mercoledì, Aprile 17, 2024
HomeMondoL'opposizione vince in Thailandia ma si teme la reazione dei militari

L’opposizione vince in Thailandia ma si teme la reazione dei militari

Gli elettori thailandesi hanno inviato un chiaro messaggio di desiderio di cambiamento attraverso le elezioni di domenica scorsa. Tuttavia, resta da vedere se l’establishment, allineato con i militari, permetterà che ciò accada.

Il risultato delle elezioni di domenica è stato sconvolgente non solo perché i partiti pro-democrazia hanno sconfitto quelli pro-militari, ma anche perché il partito progressista in testa, Move Forward, ha portato avanti una campagna incentrata su una questione una volta considerata tabù: la riforma della monarchia.

Il leader di Move Forward, Pita Limjaroenrat, ex dirigente d’azienda e politico relativamente nuovo, laureato ad Harvard e al MIT, si è presentato lunedì come “il prossimo primo ministro della Thailandia”.

Tuttavia, l’establishment thailandese, composto dai pilastri dell’esercito e della monarchia, ha il potere di ostacolarlo. La Thailandia ha subito 12 colpi di stato riusciti dal 1932, e spesso partiti o candidati sono stati esclusi dal potere anche dopo le elezioni.

Un intervento del genere però rischierebbe di scatenare “gravi violenze di strada” e creerebbe “una situazione incredibilmente instabile”, secondo Joshua Kurlantzick, esperto di questioni relative al sud-est asiatico presso il Council on Foreign Relations.

“La Thailandia è l’unico paese a reddito medio-alto che ha regolarmente colpi di stato”, afferma Kurlantzick. “I giovani thailandesi sono stanchi di un’economia e di una politica bloccate in questo arcaico passato, gestite da generali e re”.

Prima dell’incredibile risultato di domenica, le elezioni erano state descritte come uno scontro tra i militari e la dinastia politica degli Shinawatra, rappresentata dal partito Pheu Thai.

I partiti associati all’ex primo ministro Thaksin Shinawatra avevano vinto il maggior numero di seggi in ogni elezione dal 2001, ma erano stati ripetutamente spodestati dal potere dai militari inclini ai colpi di stato.

Questa volta, la figlia di Thaksin, Paethongtarn Shinawatra, era candidata, sfidando il primo ministro in carica Prayuth Chan-ocha, che aveva guidato il colpo di stato del 2014 e aveva mantenuto il potere dopo le elezioni del 2019. Da allora, la sua popolarità è crollata.

Nel 2020, si sono verificate massicce proteste a favore della democrazia, con i leader studenteschi che chiedevano riforme non solo per l’esercito, ma anche per la monarchia.

Questo è senza precedenti in un paese in cui le leggi sulla lesa maestà significano che criticare il re thailandese può portare all’arresto, e molti manifestanti sono ancora detenuti.

In queste elezioni, Pheu Thai ha mantenuto la sua linea di elevare gli elettori a basso reddito, ma ha evitato di proporre riforme che avevano dato slancio ai giovani manifestanti.

“Pheu Thai ha combattuto la battaglia sbagliata, quella del populismo che ha già vinto. Move Forward porta il gioco ad un livello successivo con la riforma istituzionale.

Questo è il nuovo campo di battaglia della politica thailandese”, ha affermato Thitinan Pongsudhirak, politologo presso l’Università di Chulalongkorn di Bangkok, in un’intervista a Reuters.

Dal punto di vista numerico, Move Forward ha conquistato circa 151 dei 500 seggi della camera bassa, quasi spazzando via la capitale, Bangkok. Pheu Thai ha ottenuto 141 seggi.

Lunedì, Pita ha annunciato che cercheranno di formare un governo con quattro partiti più piccoli, portando il totale del blocco a 309 seggi.

Tuttavia, questa maggioranza netta potrebbe non essere sufficiente poiché la nuova costituzione introdotta durante il governo militare di Prayuth prevede che i 250 senatori nominati dall’esercito abbiano un voto nella scelta del primo ministro. Se il Senato votasse contro la coalizione di Pita, verrebbe respinta.

Il partito di Prayuth e un altro partito sostenuto dai militari hanno ottenuto solo 76 seggi. Anche se il blocco filo-militare coinvolge altri partiti non allineati, potrebbe formare solo un governo di minoranza molto debole. A meno che Pheu Thai non decida di unire le forze, anche se al momento sembra improbabile.

Paethongtarn Shinawatra ha congratulato Pita e ha detto di aspettarsi che i loro partiti possano lavorare insieme senza intoppi. Prayuth ha affermato di rispettare il processo democratico e i risultati elettorali, anche se questo messaggio è in qualche modo minato dalla sua recente storia come leader del colpo di stato.

Pita ha dichiarato che ci sarebbe un “pesante prezzo da pagare” per chiunque cerchi di abolire i risultati elettorali o formare un governo di minoranza, aggiungendo che non crede che il popolo thailandese lo permetterebbe.

La Commissione Elettorale thailandese ha 60 giorni per confermare i risultati, durante i quali Pita probabilmente lavorerà per consolidare la sua coalizione, mentre gli altri principali attori politici pianificheranno le loro prossime mosse.

Pita Limjaroenrat by Sirakorn Lamyai

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI