giovedì, Maggio 23, 2024
HomeCulturaNegli Usa il 20% degli over 65 sta ancora lavorando

Negli Usa il 20% degli over 65 sta ancora lavorando

La pianificazione della carriera e della pensione, in passato, sembrava seguire un percorso ben definito: lavoravi fino a un certo punto della tua vita, poi ti ritiravi per goderti gli anni dorati del meritato riposo. Questa visione binaria della vita lavorativa è ormai obsoleta, rimpiazzata da un panorama molto più variegato e complesso.

Negli ultimi decenni, il concetto di pensionamento è stato radicalmente trasformato da cambiamenti demografici e da un rinnovato desiderio di personalizzazione del proprio percorso di vita e lavoro. La struttura lavorativa e sociale di un tempo non si adatta più alle esigenze di una popolazione che invecchia ma resta più attiva e coinvolta nella vita lavorativa ben oltre i tradizionali limiti d’età.

Anche se una parte considerevole degli americani ancora ambisce al pensionamento completo, una maggioranza sempre minore lo considera l’opzione ideale. Un sondaggio recente di Harris Poll indica che solo il 56% degli americani si immagina di lasciare definitivamente il mondo del lavoro. Un altro 30% desidera un pensionamento parziale, magari lavorando part-time o come consulenti, mentre il 7% non prevede di smettere mai di lavorare e un altro 6% è indeciso su cosa farà.

Un rapporto del 2023 del Pew Research Center ha messo in evidenza che circa il 20% degli americani di età pari o superiore ai 65 anni lavorava ancora l’anno precedente, una percentuale quasi doppia rispetto a quella degli anni ’80. Le categorie emergenti di pensionati includono i “clean breakers”, coloro che si ritirano completamente; i “re-inventors”, che passano a un lavoro part-time o a consulenze; e i “never-stoppers”, che continuano a lavorare a tempo pieno.

Sorprendentemente, il desiderio di ritirarsi completamente è più forte tra i lavoratori più giovani e tende a diminuire con l’avanzare dell’età. Questo potrebbe riflettere una crescente ansia economica, poiché molti non si sentono finanziariamente pronti a lasciare il lavoro.

Alcuni dati indicano che il 63% dei lavoratori non pensionati sotto i 34 anni spera di potersi ritirare completamente, ma questa percentuale scende al 59% tra i 35 e i 54 anni e crolla al 36% tra coloro che hanno 55 anni o più.

Foto di Vlad Chețan: https://www.pexels.com/it-it/foto/foto-in-bianco-e-nero-di-un-vecchio-2586537/

Il passaggio da piani pensionistici tradizionali a piani a contribuzione definita, come gli IRA, che ha superato il numero di piani pensionistici nel 1984, riflette un cambiamento significativo nel modo in cui gli americani pianificano la pensione. Ora ci troviamo a confrontare non solo la durata della vita, ma anche quella della salute e della capacità lavorativa.

L’aumento dell’aspettativa di vita ha spostato i confini di cosa significa invecchiare. Non è più insolito vedere persone lavorare ben oltre i 65 anni. Questo ha importanti implicazioni per le aziende americane che devono ora considerare come integrare e sfruttare il potenziale di una forza lavoro che può spaziare su cinque generazioni.

Per rispondere a questi cambiamenti, molte aziende statunitensi stanno già adattando le loro politiche. General Motors e Boeing, ad esempio, hanno lanciato programmi che permettono ai dipendenti anziani di tornare al lavoro dopo il pensionamento. Altre aziende, come Microsoft e Marriott, stanno facilitando transizioni più morbide verso il pensionamento offrendo benefit estesi e orari flessibili anche ai lavoratori più anziani.

Investire in una forza lavoro così diversificata può portare notevoli vantaggi economici. Uno studio del World Economic Forum del 2020 ha stimato che una maggiore inclusione delle generazioni più anziane nel mondo del lavoro potrebbe aumentare il PIL pro capite di quasi il 19% nei prossimi trent’anni.

Questa nuova realtà richiede una riorganizzazione del pensiero aziendale e una maggiore apertura verso una diversità di età e di esperienze, riconoscendo che l’apporto di lavoratori più maturi può essere altrettanto prezioso, se non più, di quello dei giovani lavoratori. In una società che invecchia ma rimane attiva, le opportunità di apprendimento e contributo non conoscono limiti di età.

“old man working” by sese_87 is licensed under CC BY-SA 2.0.
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI