venerdì, Aprile 19, 2024
HomeNotizieNegli Usa il Marshals Service monitora e scheda i manifestanti a favore...

Negli Usa il Marshals Service monitora e scheda i manifestanti a favore dell’aborto

Dataminr, un partner ufficiale di Twitter, ha informato un’agenzia federale delle forze dell’ordine riguardo alle proteste e alle manifestazioni a favore dell’aborto in seguito all’inversione della sentenza Roe v. Wade, secondo documenti ottenuti dal giornale investigativo online The Intercept tramite una richiesta del Freedom of Information Act.

Le email interne mostrano che il Marshals Service degli Stati Uniti ha ricevuto regolari avvisi da Dataminr, un’azienda che monitora costantemente i social media per conto di clienti aziendali e governativi, riguardo all’ora e al luogo precisi delle manifestazioni per il diritto all’aborto, sia in corso che pianificate.

Le email rivelano che Dataminr ha individuato i post sui social media degli organizzatori, dei partecipanti e degli spettatori delle proteste e ha utilizzato il suo accesso privilegiato ai dati illimitati di Twitter per monitorare il discorso protetto dalla costituzione.

Jennifer Granick, avvocato del Progetto Speech, Privacy e Technology dell’American Civil Liberties Union, ha dichiarato: “Si tratta di una tecnica che è pronta per l’abuso, ma non è soggetta a supervisione legislativa o giudiziaria”.

La raccolta di dati da sola può avere un effetto negativo sulla libertà di parola. Mary Pat Dwyer, direttrice del programma accademico dell’Istituto per il diritto e la politica della tecnologia presso la Georgetown University, ha dichiarato a The Intercept: “Quando diventa pubblico che le forze dell’ordine stanno raccogliendo queste informazioni su cittadini statunitensi, ha un effetto spaventoso sul fatto che le persone siano disposte ad esprimersi, partecipare alle proteste e pianificare manifestazioni”.

I documenti ottenuti da The Intercept coprono il periodo da aprile a luglio 2022, durante un periodo di intense notizie provenienti dalla Corte Suprema. Dopo la fuga di una bozza secondo cui la Corte avrebbe ribaltato Roe v. Wade, il pilastro dei diritti riproduttivi negli Stati Uniti, i sostenitori dell’aborto hanno organizzato massicce proteste e manifestazioni in tutto il paese. Questo non è il primo caso in cui Dataminr ha aiutato le forze dell’ordine a monitorare le manifestazioni di massa in seguito a proteste politiche: nel 2020, The Intercept ha riferito che l’azienda ha sorvegliato le proteste di Black Lives Matter per il dipartimento di polizia di Minneapolis dopo l’omicidio di George Floyd.

La sorveglianza dei social media da parte del Marshals Service ha incluso post relativi a Roe non appena hanno iniziato a comparire. In un tipico avviso, un analista di Dataminr ha riassunto i dati dei social media in questione e ha fornito un collegamento al post originale. Il 3 maggio 2022, un giorno dopo l’esplosiva notizia di Politico sulla bozza, l’artista newyorkese Alex Remnick ha twittato riguardo a una protesta pianificata più tardi quel giorno a Foley Square, un piccolo parco nel centro di Manhattan circondato da edifici governativi. Dataminr ha prontamente inoltrato il tweet ai marescialli. Durante quella serata, Dataminr ha continuato a fornire informazioni sulla manifestazione a Foley Square, che era in corso, inviando avvisi come “i manifestanti bloccano le strade vicine a Foley Square” e condividendo foto dei manifestanti, tutte raccolte da Twitter.

Nelle settimane e nei mesi successivi, le email mostrano che Dataminr ha informato di numerose proteste, inclusi molti raduni a favore dell’aborto, dal Maine alla Virginia, sia prima che durante le manifestazioni. È probabile che molte altre proteste, manifestazioni ed esercitazioni del Primo Emendamento siano state monitorate dalla società. In risposta a una richiesta di registri pubblici da parte di The Intercept, il Marshals Service ha identificato quasi 5.000 pagine di documenti pertinenti, ma ha condiviso solo circa 800 pagine. Non è stata fornita alcuna risposta da parte del Marshals Service riguardo a una richiesta di commento.

I documenti ottenuti da The Intercept sono riassunti delle attività sui social media che hanno generato avvisi in base ai termini di ricerca specificati, elencati nella parte inferiore dei rapporti. Gli argomenti sottoscritti avevano nomi ambigui come “Menzioni SCOTUS”, “Corti federali e pericoli per il personale_V2”, “Eventi critici per la sicurezza pubblica”, “Avvocati” e “Funzionari”. Questi elenchi suggeriscono che i marshall non cercassero specificamente informazioni sulle proteste per l’aborto, ma avevano istituito una sorveglianza così ampia che venivano regolarmente raccolti grandi volumi di attività innocua protetta dal Primo Emendamento, che veniva poi erroneamente considerata una potenziale minaccia alla sicurezza. Non è noto come i marshall abbiano utilizzato le informazioni raccolte da Dataminr.

“La vastità di queste categorie e termini di ricerca sicuramente diventerà oggetto di discussione nel dibattito politico. È sicuro”, ha affermato Granick a The Intercept. “È un completo disinteresse per il fatto che si finisce per spiare attività politiche fondamentalmente protette dalla Costituzione”.

I Marshals, la più antica agenzia delle forze dell’ordine negli Stati Uniti, rappresentano una reliquia di nicchia della prima polizia americana, resa celebre nei film western e nei racconti del selvaggio West. Oggi, il Marshals Service svolge una missione unica tra le agenzie federali, che include principalmente il trasporto dei detenuti, la caccia ai fuggitivi e la sicurezza dei tribunali federali e del personale giudiziario.

by Dickelbers
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI