Home Mondo Negli Usa reddito e insicurezza alimentare rivelano continue disparità razziali

Negli Usa reddito e insicurezza alimentare rivelano continue disparità razziali

by AIO SIDS IWRM Project

Nel settembre 2022, l’ US Census Bureau e il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) hanno pubblicato nuovi dati sul benessere economico delle famiglie americane durante il 2021. Mentre i dati sulla povertà, sul reddito e sull’insicurezza alimentare in particolare dimostrano che l’economia statunitense sta mostrando segni di ripresa dalla pandemia di COVID-19, permangono sostanziali divari di genere, razziali ed etnici. Queste lacune persistono da decenni e chiariscono che i responsabili politici devono fornire investimenti mirati e sostenuti per affrontare le disuguaglianze.

La misura ufficiale della povertà (OPM), la vecchia metrica del Census Bureau per misurare la povertà , così come il tasso di insicurezza alimentare tra le famiglie statunitensi, è rimasta stabile rispettivamente all’11,6% e al 10,2% . Nel frattempo, la misura supplementare sulla povertà (SPM), una metrica più olistica che tiene conto di una gamma più ampia di fonti di reddito e spese, ha raggiunto il minimo storico del 7,8% . Questi tassi indicano tutti sviluppi positivi se inseriti nel contesto del 2021, un anno difficile, poiché molte comunità negli Stati Uniti hanno faticato a riprendersi dalle turbolenze economiche della pandemia di COVID-19. I picchi nei casi di COVID-19 durante tutto l’anno hanno esacerbato questo tumulto; inoltre, avevano maggiori probabilità di danneggiare le persone di colore e le persone con disabilità .

In risposta alla crisi in corso, nel marzo 2021 il Congresso e l’amministrazione Biden hanno approvato l’ American Rescue Plan Act (ARPA). L’atto ha fornito lo stimolo fiscale tanto necessario per aiutare ad alleviare le difficoltà di coloro che sono stati più colpiti dagli effetti della pandemia. Le espansioni del credito d’imposta per i figli (CTC), dell’assicurazione contro la disoccupazione e dei programmi di assistenza alimentare hanno contribuito a fornire una certa stabilità finanziaria, alleviando la povertà e l’insicurezza alimentare a solo un anno dall’inizio della pandemia.

Mentre gli investimenti realizzati attraverso l’ARPA erano indispensabili per la ripresa e la resilienza post-COVID-19, l’eliminazione della povertà e dell’insicurezza alimentare richiederà investimenti più mirati e a lungo termine per rafforzare la rete di sicurezza sociale, nonché un ripensamento del sistema economico statunitense in modo che funziona in modo efficace per tutti. Si stima che le difficoltà economiche siano aumentate immediatamente con la scadenza delle disposizioni dell’ARPA, con 3,7 milioni di bambini che sono entrati in povertà nel gennaio 2022 dopo la fine dei pagamenti mensili del CTC ampliato. La povertà è una scelta politica e i politici federali devono riconoscerlo lavorando per invertire le tendenze dannose. Ciò include affrontare il fatto che il salario minimo federale è rimasto fermo per anni, si è lentamente estinto e le forniture di alloggi a prezzi accessibili e assistenza all’infanzia sono inadeguate e non hanno un sostegno federale sufficiente. Per invertire l’impatto di questi eventi e rafforzare la sicurezza economica per tutti, i responsabili politici devono effettuare investimenti adeguatamente sostenuti nelle comunità a basso reddito.

by Steve Rhodes

L’ultima serie di dati sulla povertà proviene dal supplemento sociale ed economico annuale dell’indagine sulla popolazione attuale condotta dall’US Census Bureau. Secondo i dati, i tassi di povertà ufficiali del 2021 non sono cambiati molto rispetto al 2020, quando i tassi di povertà di neri e ispanici erano già misurati vicino ai livelli più bassi visti da decenni. Eppure l’OPM cattura alcuni investimenti fatti durante la pandemia, come le espansioni temporanee del sistema di assicurazione contro la disoccupazione che hanno aiutato milioni di lavoratori senza lavoro a rimanere a galla . Tali investimenti hanno contribuito a prevenire un aumento della povertà simile a quello che seguì la Grande Recessione, ma non hanno modificato i divari persistenti tra bianchi e neri e ispanici.

È importante sottolineare che l’OPM esamina solo il reddito in contanti al lordo delle imposte. Quando si esamina l’SPM per vedere come gli investimenti in benefici fiscali e non in contanti, come CTC e espansioni dell’assistenza alimentare, hanno influenzato la povertà, i tassi per i neri e gli ispanici sono effettivamente diminuiti di 3,5 punti percentuali e 2,8 punti percentuali, rispettivamente, dal 2020 al 2021 —livelli record almeno dal 2010.

Per la prima volta in più di un decennio, i tassi di povertà supplementare per i neri e gli ispanici erano entrambi inferiori al doppio del tasso di povertà supplementare per i bianchi, mentre i divari nei tassi di povertà ufficiali non superavano questa soglia. Queste tendenze esemplificano il forte e immediato impatto che gli investimenti nelle famiglie a basso reddito possono avere sulle disparità razziali di lunga data nei tassi di povertà.

La povertà tra gli asiatici americani e gli abitanti delle isole del Pacifico si è rivelata un’eccezione in queste tendenze. È aumentato con entrambe le misure di povertà dal 2020 al 2021, sebbene il Census Bureau osservi che solo il cambiamento nell’OPM era statisticamente significativo. Quando si guarda alla povertà tra le varie etnie asiatiche, tuttavia, è chiaro che le esperienze variano ampiamente tra le diverse etnie. I tassi di povertà sono aumentati tra gli indiani, i cinesi e i coreani e sono diminuiti tra i filippini, i giapponesi e i vietnamiti. Sebbene l’utilizzo di dati annuali per confrontare queste popolazioni significhi che le dimensioni del campione sono piccole e soggette a imprecisioni, analisi precedenti che combinano più anni di dati sostiene l’idea che questi gruppi varino in tutto, dai tassi di povertà e dal reddito al livello di istruzione e alla copertura assicurativa sanitaria.

Mentre i numeri complessivi della povertà sono diminuiti per le persone di colore, permangono disparità persistenti per le donne di colore. Nel 2021, le donne nere hanno continuato a sperimentare i tassi di povertà più alti di qualsiasi gruppo misurati sia dall’OPM che dall’SPM, mentre le donne ispaniche hanno registrato i secondi tassi più alti.

Tuttavia, l’andamento dell’SPM rivela che i recenti sostegni economici hanno contribuito a colmare questo divario, poiché le differenze tra l’SPM per uomini e donne della stessa razza o etnia sono pari o inferiori allo 0,4%. Per i neri americani in particolare, i tassi SPM hanno raggiunto la parità, il che significa che uomini e donne neri hanno sperimentato livelli di povertà uguali nel 2021, tenendo conto dei benefici del governo, compresi quelli del Programma di assistenza nutrizionale supplementare (SNAP), del CTC e di altri supporti che sono stati ampliati nel 2021 in risposta alla pandemia di COVID-19.

Nonostante i progressi nella riduzione della povertà all’interno di queste comunità, tuttavia, i divari salariali di genere e razziali, la segregazione occupazionale e la mancanza di politiche incentrate sulla famiglia come l’accesso al congedo retribuito e l’assistenza all’infanzia a prezzi accessibili impediscono una significativa chiusura dei divari di povertà razziale ed etnica. Inoltre, le recenti leggi che vietano e limitano gli aborti in molti stati dopo il ribaltamento di Roe v. Wade rischiano di invertire i progressi negli anni futuri, poiché le donne di colore, in particolare le latine e le donne nere, perderanno l’accesso agli aborti a tassi sproporzionati . Gli studi hanno dimostrato che limitare l’accesso all’aborto può danneggiare la sicurezza economica delle donne, portando a un aumento delle uscite dalla forza lavoro e al passaggio a posti di lavoro meno retribuiti, aumentando al contempo i tassi di povertà infantile. Queste cose sono aggravate dal fatto che la maggior parte degli stati con divieti di aborto ha salari minimi al piano federale di $ 7,25 l’ora.

by ninachildish

Nel complesso, mentre i tassi ufficiali di povertà sono gradualmente diminuiti per le donne nere e ispaniche negli ultimi 30 anni, sono ancora molto più alti del tasso per le donne bianche. Negli ultimi due anni, i tassi di povertà supplementari per le donne di colore sono diminuiti ulteriormente rispetto ai tassi di povertà ufficiali, in parte a causa del successo dell’espansione dei programmi governativi.

Nonostante queste tendenze generali, le donne di colore hanno continuato a registrare i più alti tassi di povertà nel 2021. Complessivamente, i tassi di povertà delle donne nere e ispaniche erano più del doppio di quelli delle donne bianche e non ispaniche sotto l’OPM e circa il doppio sotto l’SPM .

Gli uomini di colore hanno sperimentato un calo simile della povertà negli ultimi decenni. Eppure, mentre il tasso di povertà ufficiale è diminuito di oltre 10 punti percentuali sia per gli uomini neri che per quelli ispanici dal 1990, continua a superare di gran lunga il tasso per gli uomini bianchi.

Nel frattempo, i tassi di povertà supplementare sono diminuiti di 13 punti percentuali e 16 punti percentuali rispettivamente per gli uomini neri e ispanici dal 2010, ma sono ancora il doppio dei tassi per gli uomini bianchi. In modo critico, le disparità di genere nella povertà che persistono da decenni nelle comunità di colore continuano a ridursi. Sotto l’SPM, le differenze per uomini e donne della stessa razza o etnia sono inferiori all’1%.

Quindi, mentre colmare il persistente divario di povertà per le donne è fondamentale, i dati rivelano che i responsabili politici devono fare di più per colmare i divari radicati che esistono sia per gli uomini che per le donne di colore, sia per massimizzare il potenziale dell’economia statunitense sia per fornire opportunità e standard equi.

Una delle cause più estese dei divari di povertà lungo le linee razziali è il salario razziale e il divario di reddito. La segregazione occupazionale , o quando un gruppo demografico è sovrarappresentato o sottorappresentato in una determinata categoria di lavoro, aiuta a spiegare come uomini e donne di colore costituiscano una parte significativa delle occupazioni meno retribuite negli Stati Uniti. La concentrazione dei lavoratori neri e ispanici in lavori a bassa retribuzione influisce sulla loro sicurezza economica e sulla loro capacità di interrompere i cicli generazionali di povertà. Questi gruppi sono anche i più colpiti dall’inflazione , che impedisce ai lavoratori meno pagati di sperimentare una crescita salariale reale attraverso la quale migliorare la loro situazione economica.

Gli ultimi dati del Census Bureau del 2021 rivelano che questi persistenti divari salariali continuano a lasciare indietro i lavoratori di colore. Nonostante una certa crescita dal 2020 al 2021, i redditi familiari medi per le famiglie nere e ispaniche sono molto inferiori a quelli delle famiglie bianche non ispaniche e asiatiche.

Queste lacune persistono da decenni. Dal 1990, il reddito medio delle famiglie nere e ispaniche è rimasto tra il 55% e il 75% del reddito familiare bianco. Nel 2021, le famiglie nere guadagnavano il 62% di quanto guadagnavano le famiglie bianche, mentre le famiglie ispaniche guadagnavano il 74%.

Su base individuale, i neri e gli ispanici sono storicamente rimasti indietro rispetto ai bianchi e agli asiatici americani in termini di reddito. E nonostante i forti aumenti del reddito medio per i neri e gli ispanici dal 2020 al 2021, il reddito medio per entrambi i gruppi è ancora significativamente inferiore al reddito medio per i bianchi, non ispanici, che storicamente hanno avuto una maggiore concentrazione in alta- posti di lavoro salariati e posizioni di potere nei luoghi di lavoro e nelle istituzioni. Questa disparità è particolarmente vera per le donne di colore, che più spesso si assumono responsabilità di assistenza .

Secondo gli ultimi dati diffusi dall’USDA, l’insicurezza alimentare nel 2021 è scesa al 19,8% tra la popolazione nera. Questo è stato l’unico gruppo razziale o etnico a sperimentare un cambiamento statisticamente significativo dal 2020. Lo stimolo fiscale del 2021 ha svolto un ruolo importante in questa diminuzione, in particolare attraverso l’ampliamento del CTC , che ha contribuito a ridurre l’insicurezza alimentare tra le famiglie con bambini e la moltitudine di modi in cui l’USDA ha aumentato l’accesso all’assistenza alimentare , inclusi maggiori vantaggi in SNAP e programmi dedicati ad aiutare a nutrire bambini e studenti. Lo stimolo ha impedito un aumento sostenuto dell’insicurezza alimentare come quello osservato durante e dopo la Grande Recessione .

Il tasso di insicurezza alimentare per i bianchi, sebbene statisticamente invariato rispetto al 2020, rimane quasi un terzo del tasso per i neri e meno della metà del tasso per gli ispanici, al 7%. Disuguaglianze strutturali come quelle nei tassi di incarcerazione, nelle pratiche occupazionali e nell’accesso al cibo hanno reso difficile ridurre l’insicurezza alimentare tra le persone di colore, poiché limitano l’accesso a risorse sufficienti e posti di lavoro migliori che pagano salari più alti.

Il 2021 è stato un anno fondamentale nella lotta contro la povertà e per la resilienza economica alla luce dei continui impatti del COVID-19. Andando avanti, i responsabili politici dovrebbero imparare da queste vittorie e basarsi su di esse. La persistenza dei divari di povertà, reddito e insicurezza alimentare dimostra che gli sforzi per rafforzare la sicurezza economica per tutti sono ancora un lavoro in corso, che non può continuare senza investimenti sostenuti nelle comunità a basso reddito e una rete di sicurezza più forte. Politiche come il rinnovo del CTC potenziato ora scaduto, maggiori investimenti nell’assistenza all’infanzia, salari equi e leggi sull’occupazione, accesso a congedi retribuiti e un maggiore sostegno per l’assistenza alimentare possono fare molto per rimodellare i divari tradizionalmente iniqui che hanno tenuto l’America economia indietro di decenni.

by BlatantWorld.com

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui