mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeMondoNei Paesi Bassi 5 mila famiglie in povertà per un errore burocratico...

Nei Paesi Bassi 5 mila famiglie in povertà per un errore burocratico del governo

Secondo i media olandesi almeno cinquemila famiglie olandesi vivono al di sotto della soglia di povertà a causa dell’errata richiesta di sussidi da parte del governo.

Il problema è legato alle famiglie che ricevono denaro extra per aumentare il loro stipendio o disoccupazione di lunga durata o indennità di malattia a una soglia di vivibilità. Questi pagamenti vengono successivamente valutati come reddito imponibile dall’ufficio delle imposte olandese e le famiglie sono tenute a rimborsare parzialmente altri benefici. Questo li spinge di nuovo al di sotto della soglia legale di povertà.

Lo scontro – di cui il governo è a conoscenza dal 2016 – è arrivato fino alla massima corte d’appello. A settembre, il Central Raad van Beroep ha stabilito che il consiglio comunale di Arnhem doveva risarcire una coppia a cui erano stati ritirati i sussidi, portandoli al di sotto del reddito minimo ufficiale necessario per “sussistere”.

Nel 2016, il National Ombudsman ha scritto al governo dicendo che le regole stavano dando origine a “conseguenze indesiderate o irragionevoli” e aumentando il rischio di povertà e debito per “famiglie finanziariamente vulnerabili”. Sebbene il sottosegretario agli affari sociali Jetta Klijnsma abbia risposto concordando sul problema, la questione non è ancora stata risolta.

Lo scorso novembre, un’associazione che rappresenta i consiglieri per i diritti dei cittadini in tutto il Paese, la Landelijke Organisatie Socialaal Raadslieden, ha scritto all’attuale ministro degli affari sociali, affermando che mentre alcune autorità locali sono pronte a recuperare nuovamente il reddito delle persone, in linea con la sentenza del tribunale, alcune non sono affatto pronte. Le persone vivono al di sotto della soglia di povertà, ha affermato, “a causa di una legislazione che non si adatta correttamente”.

Circa 15 anni fa, qualcosa è cambiato con i crediti d’imposta nel sistema di imposta sul reddito. Se le prestazioni integrative dei servizi sociali non fossero viste come reddito imponibile per questo gruppo speciale, non ci sarebbero problemi. Ma l’ufficio delle imposte lo considera dogmaticamente.

Gracilia Slijngard, che ha una malattia cronica e il cui marito ha perso il lavoro, ha dichiarato che faceva affidamento sui banchi alimentari per tirare avanti e non riusciva a capire le bollette che aveva chiedendole di rimborsare i sussidi. “Siamo ancora al di sotto del livello di reddito minimo”, ha detto. “Abbiamo cinque o sei euro da mangiare per tutti e tre al giorno”.

“Tutto è iniziato nel 2017 con lettere che mi chiedevano di restituire 272 euro al Belastingdienst mentre vivevo di sussidi. Sono piccole somme, ma solo sommarle… non ho idea di come abbiano fatto a sommarle.Il ministro per la povertà Carola Schouten ha detto ai parlamentari che il problema in corso influisce sulla più ampia fiducia delle persone nel sistema dei sussidi.

“Questa è una conseguenza involontaria della politica del governo, per la quale il governo non è giunto a una soluzione adeguata in sette anni”, ha scritto. “Troviamo doloroso che le persone abbiano dovuto intentare un’azione legale presso la più alta corte per ottenere un risarcimento”. Ha detto che una soluzione alle regole complesse e contrastanti è “urgentemente necessaria” e ha dichiarato che il governo lo vuole entro l’estate.

A livello locale, alcuni consigli vogliono trovare e risarcire al più presto le famiglie in difficoltà. A Nijmegen è iniziato un progetto pilota per avvicinare le famiglie che potrebbero essere cadute nel vuoto e informarle dei loro diritti al sostegno. ‘Straziante’ All’inizio di questo mese, i consiglieri del D66 ad Amsterdam hanno chiesto informazioni sulla portata del problema e se le vittime vengono aiutate.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI