domenica, Giugno 16, 2024
HomeCostumeNel mondo mai così alto il numero di ricchi con una ricchezza...

Nel mondo mai così alto il numero di ricchi con una ricchezza così elevata

Secondo uno studio della società di consulenza Capgemini, le persone la cui disponibilità di denaro fuori dalla residenza principale supera il milione di dollari sono aumentate del 5,1% rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 22,8 milioni nel 2023.

I ricchi non sono mai stati così ricchi e la loro ricchezza non è mai stata così elevata, grazie all’aumento dei prezzi delle azioni, lo dimostra uno studio internazionale realizzato dalla società di consulenza Capgemini e pubblicato ieri.

Il numero di persone benestanti nel mondo , definito da Capgemini come persone il cui denaro disponibile al di fuori della residenza principale supera il milione di dollari, è aumentato su base annua del 5,1%, arrivando a 22,8 milioni di persone nel 2023, calcola l’azienda nel suo studio intitolato “Rapporto sulla ricchezza mondiale”. Asset in crescita del 4,7% su un anno.

Anche la loro fortuna è aumentata, con una ricchezza totale stimata di 86,8 trilioni di dollari, con un incremento del 4,7% rispetto all’anno precedente. In termini di numero di persone interessate e di ricchezza, si tratta di due record da quando Capgemini ha iniziato a pubblicare questo studio annuale nel 1997.

L’aumento di questa ricchezza è stato reso possibile principalmente dal rialzo dei mercati azionari di tutto il mondo: l’indice americano Nasdaq nel 2023 è salito del 43% e l’indice S&P 500 del 24%, mentre a Parigi l’indice CAC 40 ha guadagnato il 16% e il DAX a Francoforte il 20%.

“Le azioni hanno registrato un balzo in concomitanza con il mercato tecnologico, alimentate dall’entusiasmo per l’intelligenza artificiale generativa e il suo potenziale impatto sull’economia”, osserva l’azienda nello studio che ha valutato 71 paesi e utilizza un sistema come metodologia di censimento statistico e una rappresentazione grafica chiamata la curva di Lorenz.

Foto billycm pixabay.com

Nel 2022, le persone più ricche hanno visto il valore della loro ricchezza subire il calo più grande degli ultimi dieci anni, questa volta a causa del calo dei prezzi delle azioni. L’anno scorso il Nord America ha registrato la crescita più forte sia nel numero dei milionari individuali con un incremento del 7,1% che in quello della ricchezza (+7,2%), davanti all’Asia-Pacifico e all’Europa.

I livelli di ricchezza e il parallelo aumento delle disuguaglianze hanno dato origine negli ultimi anni a numerosi dibattiti su come meglio far sì che i patrimoni più elevati contribuiscano alla tassazione.

Al G20, Brasile e Francia stanno spingendo per una tassa minima globale sulla ricchezza più elevata, che potrebbe portare altri 250 miliardi di dollari se i 3.000 miliardari del mondo pagassero almeno l’equivalente del 2% della loro fortuna in tasse sul reddito delle ipotesi in discussione.

A dare l’idea delle disparità esistenti tra l’1% della popolazione mondiale che nuota nel denaro e il restante 99% è anche un’analisi di Equilar e The Associated Press, secondo cui i dirigenti delle grandi aziende stanno ricevendo compensi sempre più elevati, in parallelo all’aumento del mercato azionario statunitense.

Tradizionalmente, i CEO hanno guadagnato molto più dei dipendenti, ma il divario tra i loro stipendi continua a crescere. ha rivelato che, nel 2023, il CEO medio delle società dell’indice S&P 500 ha guadagnato 196 volte di più rispetto al dipendente medio, superando il rapporto di 185 volte del 2022.

Questo crescente squilibrio salariale è dovuto principalmente al fatto che i compensi dei dirigenti, fortemente legati ai prezzi delle azioni, aumentano molto più rapidamente di quelli dei lavoratori, molti dei quali faticano a tenere il passo con l’aumento del costo della vita.

bfatphoto CC BY-NC-ND 2.0

Nel 2023, il compenso medio totale per i CEO dell’S&P 500, inclusi i premi azionari, è salito a 16,3 milioni di dollari, con un incremento del 12,6% rispetto all’anno precedente, contro lo 0,9% del 2022. I dipendenti, invece, hanno visto aumentare il loro salario medio annuo del 5,2%, raggiungendo 81.467 dollari.

Il divario salariale si traduce in aumenti annuali di circa 4.300 dollari per i lavoratori, mentre i dirigenti hanno visto i loro compensi aumentare di ulteriori 1,5 milioni di dollari. Questi risultati possono essere frustranti per i dipendenti, che affrontano costi elevati per beni di consumo, assistenza all’infanzia e assicurazioni.

La remunerazione dei CEO è strettamente legata all’andamento del mercato azionario. Nonostante ricevano uno stipendio fisso e benefici, gran parte del loro compenso deriva dai premi azionari. Nel 2023, questi premi rappresentavano circa il 70% del compenso totale dei dirigenti, con un aumento medio del 10,7%, arrivando a 9,4 milioni di dollari.

I pacchetti retributivi dei CEO potrebbero crescere ulteriormente quest’anno. Hock Tan, CEO di Broadcom, ha guadagnato 161,8 milioni di dollari nel 2023, principalmente grazie ai premi azionari, dato che il prezzo delle azioni della società è quasi raddoppiato. Il suo compenso è 510 volte quello del dipendente medio della sua azienda.

Il CEO di FICO, William Lansing, è stato il secondo dirigente più pagato con 66,3 milioni di dollari, seguito da Tim Cook di Apple, con 63,2 milioni di dollari, 672 volte lo stipendio medio dei dipendenti Apple di 94.118 dollari.

La disparità salariale è ancora più evidente in alcune aziende che impiegano lavoratori part-time o a ore. Ad esempio, Barbara Rentler, CEO di Ross Stores, ha ricevuto un compenso totale di 18,1 milioni di dollari, mentre il dipendente medio part-time ha guadagnato 8.618 dollari, rappresentando una differenza di 2.100 volte.

Creative Commons CC0
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI