venerdì, Ottobre 7, 2022
HomeNotizieOltre 20 mila bambini vittime dei conflitti armati

Oltre 20 mila bambini vittime dei conflitti armati

L’Unicef ha documentato e verificato 23.982 gravi violazioni contro bambini in conflitto armato nel 2021, che hanno colpito 19.165 bambini nei 21 paesi e situazioni regionali monitorate, secondo il rapporto Children and Armed Conflict 2021, pubblicato nei giorni scorsi.

Delle 23.982 gravi violazioni, 22.645 sono state commesse nel 2021 e 1.337 sono state commesse in precedenza ma verificate nel 2021. Dei bambini colpiti, 13.633 erano maschi, 5.242 femmine, 290 erano di sesso sconosciuto.

Il numero più alto di violazioni è dovuto all’uccisione e alla mutilazione di 8.070 bambini, seguiti dal reclutamento e dall’uso di 6.310 bambini e 3.945 episodi di negazione dell’accesso umanitario, afferma il rapporto.

“Tra il 2016 e il 2020, l’82% di tutte le vittime verificate di bambini si è verificato in sole cinque situazioni: Afghanistan, Israele e Territori Palestinesi occupati, Siria, Yemen e Somalia. È anche importante notare che molti bambini subiscono più di una violazione, aumentando la loro vulnerabilità”, ha affermato il consulente senior dell’Unicef Tasha Gill.

Il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha affermato che le forze di occupazione israeliane hanno ucciso 78 bambini palestinesi, ne hanno mutilati altri 982 e ne hanno imprigionati 637 nel 2021.

I bambini sono vittime di una media impressionante di 71 gravi violazioni verificate ogni giorno. Il rapporto documenta l’uccisione e la mutilazione di oltre 104 mila bambini.

Le cause sono identificate nell’escalation dei conflitti nel mondo, con l’uso di mine, ordigni esplosivi, residuati bellici ed esplosioni di varia natura nelle aree popolate. A queste si aggiungono le crisi umanitarie sempre più intense, le violazioni del diritto internazionale e dei diritti umani. I conflitti transfrontalieri e le violenze tra le comunità hanno colpito i bambini, in particolare nelle regioni centrali del Sahel e del bacino del lago Ciad, mentre colpi di stato e acquisizioni hanno aggravato la situazione dei bambini in Afghanistan, Burkina Faso, Mali, Myanmar e Sudan, afferma il rapporto.

Il numero di rapimenti è aumentato di oltre il 20 per cento e i casi di violenza sessuale contro i bambini sono aumentati di oltre il 20% per cento nel 2021. Il numero di attacchi a scuole e ospedali è aumentato del 5% in un contesto di uso militare delle scuole e disprezzo del diritto dei bambini all’istruzione e alla salute.

Gruppi armati non statali sono stati responsabili del 55% delle violazioni, forze statali per il 25% e il resto delle violazioni è derivato da fuoco incrociato e uso di ordigni esplosivi improvvisati. Solo gli ordigni esplosivi improvvisati e le mine antiuomo hanno provocato 2.257 vittime.

Il 70% dei bambini colpiti da gravi violazioni sono maschi. Il numero di violazioni verso i maschi è diminuito, mentre è aumentato il numero di ragazze vittime di uccisioni e mutilazioni o sottoposte a rapimenti e violenze sessuali, in particolare nel bacino del Ciad. I casi di violenza sessuale hanno continuato a essere ampiamente sottostimati, a causa della stigmatizzazione, del timore di rappresaglie, di norme sociali dannose, dell’assenza di servizi, dell’impunità, della mancanza di accesso umanitario e di problemi di sicurezza. I bambini con disabilità e i bambini sfollati erano particolarmente vulnerabili, afferma il rapporto.

by Julien Harneis
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI