mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeNotiziePaesi Bassi: Il partito anti ambientalista di allevatori e contadini trionfa alle...

Paesi Bassi: Il partito anti ambientalista di allevatori e contadini trionfa alle elezioni

Il Movimento Contadino-Cittadino, Boer Burger Beweging (BBB) è stato creato nel 2019 in seguito alle proteste generalizzate degli agricoltori contro il governo. Nonostante questo sia solo il suo secondo anno di vita, il partito è riuscito a conquistare quasi il 20% dei voti, ottenendo così 15 seggi al Senato.

Questo è stato un risultato sorprendente per molti, ma la leader del partito, Caroline van der Plas, ha sottolineato che i loro sostenitori sono cittadini normali che li hanno sostenuti. Il BBB si oppone ai piani del governo per ridurre le emissioni di azoto, che comporterebbero una significativa riduzione del numero di capi di bestiame e l’acquisto di molte aziende agricole.

Tuttavia, il partito ha un fascino che va oltre gli agricoltori, grazie alla sua piattaforma populista che rappresenta i valori sociali e morali conservatori tradizionali olandesi. Anche l’alleanza verde-laburista di sinistra dovrebbe conquistare 15 seggi al Senato, mentre la coalizione a quattro partiti del primo ministro Mark Rutte perderebbe otto seggi.

La corsa al voto è stata caratterizzata dalla visione dei trattori agricoli per le strade dell’Aia e fuori dallo studio che ha ospitato il dibattito dei leader prima del voto. La van der Plas ha celebrato la sua vittoria indossando un anello con una bandiera olandese capovolta, simbolo delle proteste antigovernative. Il risultato mette adesso in discussione la capacità politica del governo di portare avanti la riforma degli allevamenti.

La prima manifestazione di massa del partito avvenne a ottobre 2019, quando un’interminabile corteo di trattori raggiunse la capitale L’Aja, provocando code di centinaia di chilometri e con episodi di distruzione di segnaletica e altri beni pubblici. Va anche fatto notare che in seguito il partito aderirà ai movimenti contro lockdown e vaccini.

Va anche detto che i provvedimenti del governo per ridurre le emissioni inquinanti di azoto non sono obbligatori per gli allevatori, ma non seguire le indicazioni comporta la perdita delle sovvenzioni pubbliche al settore. Resta il fatto che dopo l’affermazione di ieri sarà molto più difficile per il premier Rutte attuare i suoi programmi.

Il commentatore Ben Coates ha descritto il risultato come “una specie di terremoto nella politica olandese”. Nonostante le politiche del movimento siano principalmente orientate all’opposizione alle politiche ambientali del governo, la maggior parte delle persone li considera un partito populista di destra, anti-UE, anti-immigrazione e favorevole al divieto del burqa per i musulmani.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI