venerdì, Marzo 24, 2023
HomeItalia"Pesticidi sulle mele in Val Venosta, utilizzati quotidianamente nel 2017". La denuncia...

“Pesticidi sulle mele in Val Venosta, utilizzati quotidianamente nel 2017”. La denuncia dell’Istituto per l’Ambiente di Monaco

Una mela su dieci di quelle vendute nei supermercati tedeschi proviene dall’Alto Adige, molte delle quali dalla Val Venosta. Una valutazione dell’associazione dell’Istituto per l’Ambiente di Monaco sostiene che nel 2017 i contadini della Val Venosta hanno utilizzato quotidianamente pesticidi nella coltivazione delle mele, sostanze dannose per la salute e l’ambiente.

L’organizzazione chiede che i pesticidi più pericolosi e tutti i diserbanti “siano immediatamente vietati nella frutticoltura altoatesina”.

Nei dati sono documentate 590.000 applicazioni. Da marzo a settembre 2017, dice il rapporto, non c’è stato giorno in Val Venosta che non siano stati irrorati pesticidi. In un meleto sono state registrate in media 38 operazioni di questo tipo per stagione.

“Molti dei pesticidi più comunemente usati sono sospettati di essere dannosi per la riproduzione o sospettati di essere cancerogeni”, ha affermato Christine Vogt, uno degli autori dello studio. Il glifosato, che l’Agenzia per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità ha classificato come “probabilmente cancerogeno”, è stata la quinta sostanza più comunemente spruzzata. “È stato utilizzato anche l’ormai vietato clorpirifos-metile, che può danneggiare lo sviluppo cerebrale dei bambini non ancora nati.” In quasi un quarto di tutti i trattamenti antiparassitari sono stati utilizzati principi attivi considerati particolarmente dannosi per gli insetti benefici come le vespe parassite . Alcuni dei principi attivi utilizzati allora sono ora vietati .

Secondo un regolamento dell’UE, gli Stati membri dovrebbero raccogliere e comunicare i dati sull’uso dei pesticidi solo a partire dal 2028. La valutazione dell’Istituto per l’ambiente è stata quindi possibile solo perché la Procura della Repubblica di Bolzano aveva sequestrato i dati. Perché dopo che nel 2017 l’ allora consulente agrario dell’Istituto per l’Ambiente aveva criticato l’uso di pesticidi in Alto Adige, centinaia di agricoltori lo denunciarono per “diffamazione”.

Martedì, l’iniziativa dei cittadini dell’UE “Salviamo api e agricoltori” ha presentato le richieste firmate da oltre un milione di sostenitori al Parlamento europeo per interrompere l’uso di pesticidi chimici di sintesi.

by fishermansdaughter

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI