venerdì, Aprile 19, 2024
HomeMondoPovertà in India, la guerra dei dati che nasconde una guerra politica

Povertà in India, la guerra dei dati che nasconde una guerra politica

La questione della povertà in India è dibattuta da decenni, essendo il Paese uno dei più esposti nel mondo al problema. Più volte il primo ministro Narendra Modi ha annunciato ai suoi concittadini una diminuzione sostanziale molto elevata della povertà, ma non tutti sono d’accordo con le cifre da lui presentate.

La spesa mensile degli indiani è diminuita per la prima volta in quattro decenni, indicando che la povertà in India è aumentata negli ultimi anni, secondo un rapporto di Business Standard. La spesa media dei consumatori in India ha registrato un calo del 3,7% nel 2017-18 rispetto alla spesa dei consumatori nel 2011-12.

Il rapporto, che si basa sull’ultima indagine sulla spesa dei consumatori condotta dall’Ufficio nazionale di statistica (NSO). afferma che la tendenza “più preoccupante” è che il consumo di cibo nell’India rurale è diminuito del 10%, “implicando un peggioramento della malnutrizione nel Paese”. Il calo è evidente poiché la spesa dei consumatori nei villaggi è diminuita dell’8,8% in questo periodo e rispetto all’India rurale, i centri urbani hanno registrato un aumento del 2% della spesa per consumi.

Una stima che contraddice l’ottimismo con cui Modi presenta al mondo l’India, considerata in ascesa e diretta concorrente ormai della Cina in campo affaristico-economico. Per questo sui dati si è scatenata una vera e propria guerra di cifre che sta sollevando polemiche tra le forze politiche e rischia di incidere seriamente nel futuro sviluppo economico della nazione.

Le stime di povertà e disuguaglianza in India sono state profondamente contestate. Esistono differenze tra gli economisti non solo sui dati che costituiscono la base della loro stima, ma anche sulle tendenze degli ultimi decenni. In assenza di dati ufficiali degli ultimi anni – l’ultima indagine sulla spesa per consumi, che costituisce la base delle stime sulla povertà e sulla disuguaglianza, era quella del 2011-12 – la questione è stata particolarmente controversa.

Tanto più, viste le forti differenze di opinione sulla misura in cui la pandemia ha esacerbato la povertà e la disuguaglianza. In assenza di dati ufficiali, diversi economisti hanno avanzato le loro stime sulla base di diverse fonti di dati. Ad esempio, Arvind Panagariya e Vishal More, utilizzando i dati PLFS, scoprono che la povertà rurale ” ha visto un modesto aumento” solo durante il rigido periodo di blocco di aprile-giugno 2020, per poi diminuire drasticamente come nel periodo pre-Covid. E che mentre la povertà urbana ha visto anche un “modesto aumento” nel 2020-21, ad aprile-giugno 2021 il suo declino era ripreso.

Queste tendenze sono, tuttavia, in contrasto con gli studi che attingono ad altre fonti di dati per stimare la povertà. Nel rapporto “State of working India 2021”, gli economisti dell’Università Azim Premji, sulla base dei dati del CMIE, hanno scoperto che la pandemia ha portato a un “improvviso aumento della povertà”. Secondo il rapporto, su un periodo di otto mesi (da marzo a ottobre 2020), i redditi medi del 10% più povero delle famiglie sono stati inferiori di 15.700 rupie.

Questo shock di reddito ha causato un aumento del tasso di povertà (al di sotto della soglia salariale minima nazionale) di 15 punti percentuali nelle aree rurali e di quasi 20 punti percentuali nelle aree urbane. La ricerca di Arpit Gupta, Anup Malani e Bartosz Woda, basata sui dati CMIE, ha rilevato che la povertà di reddito, applicando il limite di $ 1,9 della Banca mondiale, è aumentata dal 7,6% nel novembre 2019 al 50,5% nell’aprile 2020. E che mentre la povertà è diminuita successivamente, non è tornata ai livelli pre-pandemia. Altri indicatori suggeriscono che più lavoratori sono ricaduti nell’agricoltura, indicando l’assenza di occupazione non agricola. Più persone hanno lavorato sotto MGNREGA rispetto al periodo pre-pandemia. I salari reali regolari hanno subito un calo. E le vendite di veicoli a due ruote rimangono contenute.

In assenza di dati ufficiali sulla spesa per consumi, l’affidamento a fonti di dati alternative è solo aumentato, dando origine a tendenze contrastanti. Poiché la comprensione delle tendenze della povertà e della disuguaglianza, e delle loro ragioni sottostanti, è fondamentale per la progettazione di politiche e programmi governativi, questo scenario è dannoso per la formulazione delle politiche. Occorre affrontare l’assenza di dati tempestivi e affidabili, soprattutto durante i periodi di incertezza. Sebbene siano stati compiuti alcuni passi — le indagini sull’occupazione vengono ora svolte con maggiore regolarità — occorre fare di più. Il sistema statistico del paese deve essere rafforzato.

Foto di Claire Kelly su Unsplash
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI