venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeMondoRallenta la crescita dell'economia cinese. La Banca Mondiale scopre le vulnerabilità di...

Rallenta la crescita dell’economia cinese. La Banca Mondiale scopre le vulnerabilità di Pechino

Tra i molteplici rovesci nazionali e internazionali dovuti alla sua politica e assertività zero-Covid, è improbabile che la Cina raggiunga il tasso di crescita del PIL stimato , secondo l’ultimo rapporto Global Economic Prospects della Banca Mondiale.

In Cina, la crescita è prevista al 4,3% nel 2023, 0,9 punti percentuali al di sotto delle previsioni precedenti. La seconda economia più grande del mondo sta ora arretrando nella corsa.

La crescita globale sta rallentando bruscamente di fronte all’inflazione elevata, ai tassi di interesse più elevati, alla riduzione degli investimenti e alle interruzioni causate dall’invasione russa dell’Ucraina, secondo l’ultimo rapporto sulle prospettive economiche globali della Banca mondiale.

Secondo i rapporti della Banca mondiale, l’alto tasso di crescita della Cina, basato su investimenti, produzione a basso costo ed esportazioni, ha raggiunto i suoi limiti e ha portato a squilibri economici, sociali e ambientali, secondo quanto riferisce il Financial Post.

La riduzione di questi squilibri richiede cambiamenti nella struttura dell’economia dalla produzione ai servizi di alto valore, dagli investimenti ai consumi, e dalla alta intensità delle emissioni di carbonio a una forte riduzione; nessuna di queste necessità strutturali sembra però essere una priorità dei dirigenti del Partito Comunista Cinese al potere.

A scapito di Pechino, il mercato immobiliare ha rallentato; innescato dall’inasprimento delle normative che ha portato a una stretta di liquidità per le imprese. La domanda di immobili è rimasta contenuta a causa della scarsa richiesta degli acquirenti di case, a causa dei ripetuti focolai di Covid-19 e del rifiuto degli acquirenti di investire in case ancora in costruzione.

Il rallentamento del settore immobiliare sta avendo un effetto a cascata sull’economia cinese. Nella sua ansia di sostenere un tasso di crescita insostenibile, il governo cinese ha incoraggiato i cattivi investimenti nel settore immobiliare. Aiutati dalla finanza a tassi agevolati, gli sviluppatori immobiliari hanno avuto il loro periodo di massimo splendore. Ora che il mercato è saturo e la domanda di immobili è crollata, queste società immobiliari non sono in grado di rimborsare i propri debiti.

Di fronte a vincoli strutturali come il calo del tasso di crescita della forza lavoro, la diminuzione del rendimento degli investimenti e il rallentamento della crescita della produttività, il tasso di crescita complessivo è diminuito.

La Banca mondiale ha sottolineato che l’economia cinese è anche vulnerabile ai cambiamenti climatici, all’inasprimento delle condizioni finanziarie globali e all’acuirsi delle tensioni geopolitiche, di cui la stessa Pechino è la principale responsabile.

La dannosa politica zero-Covid che Pechino ha finalmente abbandonato nel dicembre 2022 ha già pagato il suo pedaggio in centri di produzione come Shenzhen e Tianjin. Studi privati ​​hanno dimostrato che la produzione della fabbrica è diminuita nel settembre 2022.

In luoghi come Siachen e Chongqing, dove le industrie dipendono dall’energia idroelettrica, forti ondate di caldo hanno portato all’innalzamento della domanda interna di energia attraverso un maggiore uso di condizionatori d’aria, mentre la produzione è diminuita a causa di condizioni simili alla siccità.

Questo ha significato meno potere alle fabbriche. I produttori di iPhone Foxconn e Tesla sono stati costretti a ridurre l’orario di lavoro o chiudere del tutto per la scarsità di energia. I profitti dell’industria siderurgica, che è stata il motore della crescita in Cina, sono diminuiti dell’80% nei primi sette mesi dell’anno solare 2022.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI