lunedì, Settembre 26, 2022
HomeMondoRivolta in Sri Lanka

Rivolta in Sri Lanka

Lo Sri Lanka sta attraversando una fase molto delicata di caos politico, con il Paese in rivolta a causa delle scellerate politiche economiche del suo presidente, Gotabaya Rajapaksa, fuggito dal suo palazzo di Colombo sabato 9 luglio. Pochi minuti dopo il palazzo è stato preso d’assalto da centinaia di manifestanti. I video mostrano i cittadini dello Sri Lanka all’interno del luogo del potere o nella piscina che si trova nei giardini. Accusano il suo proprietario di essere responsabile della catastrofica crisi economica che sta attraversando il Paese. Dopo giornate caotiche, il presidente del parlamento Mahinda Abeywardana ha dichiarato in televisione che per garantire una transizione pacifica, il presidente ha detto che si sarebbe dimesso il 13 luglio. La crisi economica è seguita da una crisi politica. Il primo ministro dello Sri Lanka Ranil Wickremesinghe ha dichiarato di essere anche lui pronto a dimettersi per far posto a un governo di unità nazionale.

Nei giorni scorsi decine di migliaia di persone avevano preso parte a manifestazioni per chiedere le dimissioni di Gotabaya Rajapaksa. Proviene da una famiglia che domina il Paese da molto tempo. Il fratello, Mahinda Rajapaksa, che ha abbandonato il potere nel 2015, è conosciuto anche per essere stato autore in passato di una spietata repressione delle Tigri Tamil, per porre fine alla lunga guerra civile del Paese, considerato un eroe da una parte del Paese e un criminale di guerra dall’altra parte. Le proteste sono state così violente che venerdì scorso le forze di polizia hanno imposto il coprifuoco. Il provvedimento è stato poi revocato dopo le minacce di azioni legali contro il capo della polizia da parte dei partiti di opposizione, degli attivisti per i diritti umani e dell’ordine degli avvocati del Paese.

Il capo dello Stato è ritenuto responsabile della crisi senza precedenti che sta colpendo la piccola isola nell’Oceano Indiano e provocando un’inflazione galoppante – che si attesta intorno al 70% – oltre a gravi carenze di carburante, elettricità e cibo. Le Nazioni Unite stimano che circa l’80% della popolazione salti i pasti per far fronte alla carenza e all’aumento dei prezzi. Lo Sri Lanka è andato in default ad aprile per il suo debito estero e ha avviato colloqui di salvataggio con il Fondo monetario internazionale. I 22 milioni di abitanti sono strangolati da pesanti debiti, contratti principalmente con Giappone e Cina. Nel maggio 2021, il presidente Gotabaya ha deciso bruscamente di vietare tutti i fertilizzanti chimici per renderlo il primo paese al mondo al 100% biologico . Conseguenza: lo Sri Lanka ha dovuto ridurre la sua produzione di tè, perché non poteva permettersi i cereali essenziali per la produzione di fertilizzanti.

Lo Sri Lanka dopo 26 anni di conflitto interno nel 2009 ha visto le Tigri Tamil ammettere la sconfitta, al termine di una feroce offensiva governativa in cui le Nazioni Unite hanno stimato che ben 40.000 civili tamil sono stati uccisi solo negli ultimi mesi di guerra. Il 75% degli abitanti dello Sri Lanka appartiene alla maggioranza singalese, che è prevalentemente buddhista e in particolare di tradizione Theravada. L’altro maggiore gruppo sull’isola è quello dei tamil che costituisce il 18% della popolazione. I tamil sono prevalentemente induisti e vivono in maggioranza nella parte settentrionale e in quella orientale del Paese.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI