martedì, Aprile 16, 2024
HomeMondoSiria, tredici anni di conflitto, milioni di rifugiati e pochi spiccioli dalla...

Siria, tredici anni di conflitto, milioni di rifugiati e pochi spiccioli dalla comunità internazionale

È stato un momento di emozione intensa durante la conferenza siriana, caratterizzata da fatti, cifre e discorsi delle organizzazioni non governative internazionali, invitate dall’Unione Europea mercoledì e giovedì scorsi.

Amany Qaddour, rappresentante dell’organizzazione umanitaria Syria Relief & Development, si è alzata di fronte a una sala gremita per condividere la storia di Heba, un soccorritore siriano.

Sin dal terremoto avvenuto lo scorso febbraio, Heba è tormentata dalla domanda su come sia riuscita a sopravvivere mentre molti altri hanno perso la vita. La voce di Qaddour si è incrinata, trattenendo a fatica le lacrime, prima di dire: “Coloro di noi che ancora possono farlo, devono continuare i nostri sforzi e offrire aiuto”.

Per il resto, la giornata di giovedì si è concentrata principalmente sui finanziamenti: la Germania ha promesso un totale di circa 1 miliardo di euro per “affrontare la crisi dei rifugiati in Siria e nella regione”, come è stata definita. Il capo della politica estera dell’Unione Europea, Josep Borrell, ha confermato l’impegno dell’UE di destinare 1,5 miliardi di euro per il 2023 e ha promesso ulteriori 560 milioni di euro per il 2024. Complessivamente, sono stati raccolti impegni per un ammontare di 5,6 miliardi di euro. Inoltre, sono stati pianificati prestiti per un totale di 4 miliardi di euro.

Nonostante il fatto che la situazione politica all’interno della Siria non sia cambiata significativamente negli ultimi anni, la crisi continua ad essere estremamente grave: sia nel paese stesso che nei paesi confinanti, dove milioni di rifugiati hanno cercato rifugio. Fino ad ora, solo un numero relativamente esiguo di siriani è tornato nel proprio paese d’origine, poiché la maggior parte di loro percepisce la situazione come insicura. Attualmente, due persone su tre in Siria dipendono dall’aiuto umanitario per sopravvivere.

Fadi al-Dairi, rappresentante di Hand in Hand for Aid & Development, ha condiviso mercoledì la storia delle famiglie che la sua organizzazione ha trasferito dalle tende a “rifugi dignitosi”, ovvero edifici solidi che offrono un minimo di sicurezza e privacy. “I bambini hanno toccato i muri per la prima volta”, ha affermato al-Dairi. “Sono nati e cresciuti in tenda, quindi questa è stata un’esperienza completamente nuova per loro”.

Finora, oltre 13 milioni di persone sono state costrette a lasciare le proprie case in Siria dal 2011. Circa la metà di loro ha cercato rifugio all’estero, rendendo la Siria il principale paese di origine dei rifugiati nel mondo. Molti dei sfollati interni si sono radunati nella regione nord-occidentale della Siria che rimane sotto il controllo degli insorti. Circa 4,5 milioni di persone vivono in questa zona, secondo le Nazioni Unite, e quasi tutti dipendono dall’assistenza umanitaria. La metà della popolazione vive in campi profughi, in condizioni di estrema vulnerabilità.

La situazione in Siria continua a richiedere un impegno globale per affrontare la crisi umanitaria e fornire assistenza alle persone colpite dal conflitto. La conferenza ha dimostrato un certo grado di solidarietà internazionale, con gli impegni finanziari e gli sforzi delle organizzazioni umanitarie che cercano di alleviare le sofferenze delle persone coinvolte.

Tuttavia, resta ancora molto da fare. La ricostruzione del paese, la creazione di opportunità economiche e il ripristino della stabilità richiedono un impegno a lungo termine da parte della comunità internazionale. È necessario affrontare le cause profonde del conflitto e promuovere una soluzione politica inclusiva per mettere fine alla sofferenza del popolo siriano.

L’Ue e altri attori internazionali sono chiamati a mantenere il loro impegno e a fornire un sostegno sostenibile per aiutare la Siria e la sua popolazione a ricostruire le loro vite e a superare questa crisi senza precedenti.

Speriamo che in futuro si possano raggiungere progressi significativi per portare pace e stabilità in Siria, consentendo alle persone di tornare alle loro case in sicurezza e di costruire un futuro migliore.

by Fabio Sola Penna
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI