giovedì, Ottobre 6, 2022
HomeMondo"Speriamo che i lavoratori stiano peggio". firmato Bank of America

“Speriamo che i lavoratori stiano peggio”. firmato Bank of America

Il giornale investigativo The Intercept è entrato in possesso di un appunto, un promemoria scritto da Ethan Harris, il capo della ricerca economica globale per il braccio di banche d’affari della società, Bank of America Securities.

“Speriamo – si legge nel memo – che i lavoratori americani perdano la leva sul mercato del lavoro”. Il dirigente si diceva poi soddisfatto di come i cambiamenti nella percentuale di americani in cerca di lavoro “dovrebbero aiutare a far salire il tasso di disoccupazione.

La Federal Reserve sta provando a “raffreddare” l’inflazione, guidata dalla logica secondo cui a provocarla sono i salari alta, aumentando i tassi di interesse per la prima volta dal 2018 e con il timore di molti che questa politica incentiverà una recessione già in corso.

Al centro dei problemi quello che il memo chiama “il rapporto tra le opportunità di lavoro e i disoccupati”. Il ragionamento è molto semplice: Più basso è il rapporto di potere dei lavoratori più possibilità hanno i disoccupati quando cercano lavoro e maggiori sono le opportunità che gli occupati hanno di passare a lavori con retribuzioni e condizioni migliori. Secondo il Bureau of Labor Statistics, questo rapporto era pari a 0,5 a maggio, il che significa che c’erano allora due offerte di lavoro per disoccupato.

Nel 2009 — ricorda The Intercept – nei momenti peggiori della calamità economica seguita al crollo della bolla immobiliare durante la fine dell’amministrazione George W. Bush — il rapporto è salito fino a 6,5, quindi c’erano più di sei lavoratori disoccupati per ogni posto di lavoro aperto . È poi lentamente diminuito nel decennio successivo, raggiungendo 0,8 nel febbraio 2020 prima dell’inizio del blocco del Covid-19.

Questo recente, insolito momento di leva dei lavoratori ha reso la Bank of America piuttosto ansiosa. Il memo esprime angoscia per “un mercato del lavoro ristretto da record”, affermando che “le pressioni salariali… saranno difficili da invertire. Anche se potrebbero esserci stati alcuni aumenti una tantum in alcune sacche del mercato del lavoro, la pressione al rialzo si estende praticamente a ogni settore, reddito e livello di competenze”.

Il memo è una misteriosa dimostrazione che l’economista Adam Smith aveva ragione quando descrisse la politica dell’inflazione nella sua famosa opera del 1776, “La ricchezza delle nazioni”.

“Gli alti profitti tendono molto di più ad aumentare il prezzo del lavoro rispetto agli alti salari”, scriveva Smith. “I nostri commercianti e maestri manifatturieri si lamentano molto degli effetti negativi degli alti salari nell’aumentare il prezzo. … Non dicono nulla riguardo agli effetti negativi degli alti profitti. Sono silenziosi riguardo agli effetti perniciosi dei propri guadagni. Si lamentano solo di quelli degli altri”.

Pertanto, esattamente come Smith avrebbe previsto, la Bank of America si lamenta a gran voce degli effetti negativi degli alti salari nell’aumento dei prezzi, ma sembra tacere sugli effetti perniciosi degli alti profitti.

Ciò che naturalmente resta fuori dai ragionamenti della Bank of America è il ruolo che i profitti aziendali hanno svolto nel recente aumento dell’inflazione. I profitti aziendali al netto delle tasse si attestavano all’8,1% dell’economia all’inizio del 2020, ma da allora sono aumentati fino all’11,8% del PIL. In un’economia delle dimensioni degli Stati Uniti, ciò equivale a un aumento di oltre 700 miliardi di dollari di profitti all’anno. Questi maggiori profitti aziendali sono stati la causa di oltre il 50 percento dei recenti aumenti dei prezzi.

Invece, il memorandum è incentrato sulla prospettiva allettante che la Federal Reserve aumenti i tassi di interesse, rallenti l’economia e rimetta in riga i lavoratori. Il promemoria quindi ci dice ciò che sospettavamo da sempre: agli attori economici più potenti negli Stati Uniti – entità come Bank of America e i suoi clienti – non piace che i lavoratori abbiano il potere.

Bank of America CEO Brian Moynihan
by BrookingsInst
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI