giovedì, Maggio 23, 2024
HomeMondoSudafrica: l'Anc potrebbe perdere la maggioranza per la prima volta

Sudafrica: l’Anc potrebbe perdere la maggioranza per la prima volta

Dopo tre decenni di governo in Sudafrica, l’African National Congress (ANC) si trova di fronte alle elezioni più difficili mai affrontate. I sondaggi indicano che per la prima volta potrebbe perdere la maggioranza assoluta.

Un tempo ammirato, l’ANC ha visto la sua reputazione danneggiarsi a causa dell’alto tasso di disoccupazione, della povertà persistente e dei numerosi scandali di corruzione. Il presidente Cyril Ramaphosa, che si ripresenta alle elezioni del 29 maggio, cerca di rinnovare il mandato.

Qualora l’ANC non ottenesse la maggioranza, sarebbe costretto a formare un governo di coalizione, complicando il processo decisionale nella nazione economicamente più sviluppata del continente africano.

In Sudafrica, i cittadini non eleggono direttamente il presidente, ma votano per i partiti, i cui seggi in Parlamento vengono distribuiti proporzionalmente. Saranno poi i parlamentari a scegliere il presidente.

Mentre il Sudafrica si prepara a un possibile cambiamento storico dalla fine dell’apartheid, è utile conoscere i principali partiti e figure coinvolte in queste elezioni.

Cyril Ramaphosa, figura di rilievo nell’ANC sin dagli anni ’90 e un tempo considerato protetto di Nelson Mandela, aveva lasciato la politica per avere successo nel mondo degli affari, prima di tornare come vicepresidente del Sudafrica nel 2014. È diventato presidente nel 2018, dopo le dimissioni di Jacob Zuma travolto dalle accuse di corruzione.

Ramaphosa ha cercato di ripulire l’immagine dell’ANC lottando contro la corruzione, ma durante la sua presidenza la disoccupazione è salita al 32%, il livello più alto al mondo. Ha anche dovuto affrontare una grave crisi energetica con frequenti blackout dovuti ai problemi dell’ente statale per l’energia, ereditati dall’amministrazione Zuma, danneggiando ulteriormente la sua reputazione di risolutore dei problemi nazionali.

Nonostante si preveda che l’ANC ottenga ancora la quota maggiore di voti, se non raggiungesse il 50%, Ramaphosa, 71 anni, avrebbe bisogno di allearsi con altri partiti per essere rieletto.

“Young drummer” by Nagarjun is licensed under CC BY 2.0.

John Steenhuisen guida l’Alleanza Democratica (DA), principale partito di opposizione. Steenhuisen, a capo del DA centrista, promette di “salvare” il Sudafrica dalla corruzione e cattiva gestione dell’ANC. Tuttavia, il suo partito non è mai riuscito ad avvicinarsi alla vittoria nelle elezioni nazionali, avendo ottenuto il 22% dei voti nel 2019 contro il 62% dell’ANC.

Il DA ha stretto un accordo pre-elettorale con altri piccoli partiti di opposizione, sperando che una coalizione possa ottenere la maggioranza e spodestare l’ANC. Tuttavia, per avere successo, tutti i partiti coinvolti dovrebbero aumentare significativamente la loro quota di voti, cosa che appare improbabile.

Steenhuisen, 48 anni, è l’unico leader bianco tra i principali partiti politici del Sudafrica, il che ha sollevato critiche da parte di chi ritiene che il DA rappresenti più gli interessi della minoranza bianca che quelli della maggioranza nera.

L’Economic Freedom Fighters (EFF), fondato nel 2013 da Julius Malema, un ex leader giovanile dell’ANC espulso dal partito, è rapidamente diventato il terzo partito più grande del Parlamento sudafricano. La retorica radicale e di estrema sinistra di Malema, 43 anni, ha reso il partito controverso ma ha guadagnato popolarità soprattutto tra i giovani disoccupati e disillusi.

L’EFF propone la nazionalizzazione delle miniere e la redistribuzione delle terre ai neri poveri, sostenendo che le disuguaglianze economiche basate sulla razza persistono ancora oggi. Malema e i parlamentari dell’EFF sono noti per le loro azioni dirompenti in Parlamento e scontri con le guardie di sicurezza, portando uno stile militante nella politica sudafricana.

L’EFF potrebbe diventare un partner di coalizione per l’ANC, anche se non ci sono conferme ufficiali su eventuali accordi.

L’ex presidente Jacob Zuma ha introdotto una nuova variabile quando a dicembre ha annunciato il suo ritorno in politica con un nuovo partito, dopo aver voltato le spalle all’ANC.

Nonostante il nuovo partito di Zuma, il Movimento per la Trasformazione Nazionale (MTN), non sia previsto che possa sfidare i primi tre partiti, potrebbe erodere ulteriormente il supporto per l’ANC in un momento critico. Zuma, 81 anni, gode ancora di sostegno, specialmente nella sua provincia natale di KwaZulu-Natal.

Il suo ritorno ha sollevato preoccupazioni per la sicurezza delle elezioni, dato che la sua condanna per oltraggio alla corte nel 2021 aveva scatenato violente proteste, portando alla morte di oltre 350 persone. Zuma sta attualmente lottando in tribunale per determinare se la sua condanna gli impedisca di candidarsi. Anche se fosse permesso, la sua figura controversa potrebbe aumentare le tensioni elettorali.

Mentre il Sudafrica si avvia verso queste elezioni cruciali, i principali attori politici si preparano a un possibile cambiamento storico che potrebbe ridefinire il futuro del paese.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI