giovedì, Maggio 23, 2024
HomeMondoTorna al Qaeda e va alla conquista del Sahel

Torna al Qaeda e va alla conquista del Sahel

Jama’at Nasr al-Islam wal-Muslimin (JNIM), un gruppo affiliato ad al-Qaeda, sta acquisendo un controllo significativo in ampie zone del Sahel centrale. Questo gruppo terrorista ha adottato tattiche violente, simili a quelle osservate in passato in Iraq e Siria, tra cui lapidazioni e mutilazioni contro i cittadini dell’Africa occidentale che non aderiscono alle loro severe interpretazioni della legge della Sharia.

Senza un’azione decisa, JNIM potrebbe consolidare ulteriormente la propria presenza come una sorta di entità governativa non convenzionale in Burkina Faso e Mali, continuando a espandere le sue operazioni in Niger e negli stati costieri.

La crescente influenza di JNIM rappresenta una minaccia non solo per la stabilità regionale ma anche per la sicurezza internazionale. La loro visibilità e i legami con i leader veterani di al-Qaeda potrebbero facilitare la crescita di reti terroristiche transnazionali, aumentando il rischio di attacchi ideologicamente motivati da lupi solitari in Europa e negli Stati Uniti.

Di fronte a questa situazione, gli studi sul terrorismo e le politiche antiterrorismo devono evolversi per impedire che JNIM e gruppi simili si stabilizzano come organi di governo quasi statali, come già accaduto per al-Shabaab in Somalia e Hay’at Tahrir al-Shaam in Siria.

Attualmente, le strategie antiterrorismo in Africa occidentale non sono riuscite a contenere efficacemente la minaccia. Spesso, queste strategie non riescono a contrastare tutte le operazioni e le tattiche impiegate dai gruppi terroristici, in particolare quelle non cinetiche.

JNIM è il più attivo dei due affiliati di Al Qaeda e ISIS nel Sahel, dove si verifica il 47% di tutte le morti per attacchi terroristici . L’impegno di JNIM a favore dei civili sostiene la sua espansione territoriale nell’Africa occidentale.

Un rinnovato approccio alla lotta al terrorismo deve includere una visione più ampia e integrata, che non si limiti alle operazioni militari, ma che comprenda anche interventi di stabilizzazione e prevenzione dei conflitti.

La visibilità del gruppo e i legami con i leader veterani di al Qaeda potrebbero incoraggiare le reti terroristiche transnazionali globali e aumentare le minacce, compreso il rischio di attacchi di lupi solitari ideologicamente motivati ​​in Europa e negli Stati Uniti.

by Magharebia, licensed under CC BY 2.0.

Questa strategia globale deve riconoscere e sfruttare la complessa realtà delle operazioni terroristiche, che spesso coinvolgono un’intensa interazione con le popolazioni civili. Le misure antiterrorismo dovrebbero quindi non solo mirare a eliminare le minacce, ma anche a prevenire l’insorgere di nuove attraverso iniziative che promuovano la stabilità, la sicurezza e lo sviluppo economico.

Esiste una chiara connessione tra la prevenzione e la lotta al terrorismo nell’Africa occidentale. La strategia di impegno civile di JNIM presentata in questa pubblicazione collega le operazioni/livelli tattici, operativi e strategici di questo affiliato di al Qaeda.

Affrontare il terrorismo in modo efficace significa anche lavorare per rafforzare le istituzioni democratiche, promuovere i diritti umani e sostenere lo sviluppo sociale ed economico delle comunità vulnerabili.

Gli affiliati di Al Qaeda, in particolare, impiegano strategie e mezzi di impegno per esercitare il controllo sulle persone in un dato territorio, come ha fatto Hay’at Tahrir al-Shaam nella Siria nordoccidentale, e come sta attualmente facendo JNIM nel Sahel.

Nel 2022 e nel 2023 si sono verificati più di 7.000 eventi perpetrati dai quattro affiliati di al Qaeda e ISIS in Africa occidentale: JNIM, Stato islamico nel Grande Sahara (ISGS), Provincia dell’Africa occidentale dello Stato islamico (ISWAP) e Boko Haram (che ha un’enclave operante in Niger, ma opera prevalentemente in Nigeria e nel bacino del Lago Ciad).

Questi eventi hanno avuto luogo nei paesi che compongono la zona calda terroristica del Sahel e negli stati periferici: Mali, Burkina Faso, Niger, Benin, Togo, Ghana e Mauritania. Anche gli stati costieri dell’Africa occidentale – in particolare Ghana, Benin e Togo – stanno assistendo all’attività di questi gruppi e sono sinceramente preoccupati di impedire loro un’ulteriore diffusione nei loro territori.

La Mauritania è tra i paesi periferici ma non ha sperimentato l’attività di questi gruppi; gli esperti suppongono che la volontà di negoziare e impegnarsi con gli jihadisti sia parte della ragione, mentre altri sottolineano che il paese è una repubblica islamica con un sistema giudiziario misto sharia e laico .

Solo con un impegno coordinato e multidimensionale sarà possibile impedire che il Sahel diventi un ulteriore baluardo per attività terroristiche che potrebbero avere ripercussioni globali. La prevenzione e la lotta al terrorismo nell’Africa occidentale devono essere prioritarie, per garantire la sicurezza tanto a livello regionale quanto internazionale.

Les alliés d’al-Qaida détruisent un tombeau sacré à Tombouctou” by Magharebia is licensed under CC BY 2.0.
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI