venerdì, Giugno 14, 2024
HomeNotizieTra Etiopia, Kenya e Somalia 7 milioni di bambini sotto i 5...

Tra Etiopia, Kenya e Somalia 7 milioni di bambini sotto i 5 anni sono malnutriti

La situazione nel Corno d’Africa è critica e i bambini stanno affrontando una crisi senza precedenti, coinvolgendo la fame diffusa, lo sfollamento, la scarsità d’acqua e l’insicurezza. Più di 7 milioni di bambini sotto i 5 anni sono malnutriti e necessitano urgentemente di sostegno alimentare, mentre oltre 1,9 milioni di bambini rischiano la vita a causa di una grave malnutrizione.

La regione ha sofferto di una delle peggiori siccità degli ultimi 40 anni, causando la perdita di bestiame, raccolti e mezzi di sussistenza delle comunità vulnerabili negli ultimi tre anni di scarsa pioggia.

Mohamed Fall, direttore regionale dell’UNICEF per l’Africa orientale e meridionale, ha descritto la situazione come devastante per i bambini. Negli ultimi tre anni, le comunità hanno dovuto adottare misure estreme per sopravvivere, con milioni di bambini e famiglie costrette a lasciare le proprie case in cerca di cibo e acqua. Questa crisi ha privato i bambini delle necessità fondamentali dell’infanzia, come cibo sufficiente, una casa, acqua potabile e l’accesso all’istruzione.

Nonostante le piogge abbiano portato qualche sollievo, hanno anche causato inondazioni a causa del terreno arido che non è in grado di assorbire grandi quantità d’acqua. Questo ha portato a ulteriori sfollamenti, aumentato il rischio di malattie, perdita di bestiame e danni ai raccolti. In Somalia, le inondazioni hanno danneggiato case, terreni agricoli e infrastrutture, causando la chiusura di scuole e strutture sanitarie e colpendo centinaia di migliaia di persone.

Anche in Etiopia, le inondazioni hanno causato distruzioni e sfollamenti in diverse regioni, aggravando ulteriormente la vulnerabilità delle popolazioni già colpite dalla siccità. Le inondazioni hanno anche aumentato il rischio di malattie come il colera, con un’epidemia ancora in corso.

Oltre alla crisi alimentare, la regione sta affrontando epidemie gravi, tra cui colera, morbillo, malaria e altre malattie, aggravate dalle condizioni meteorologiche estreme e dai sistemi sanitari deboli. I prezzi degli alimenti rimangono elevati nei mercati locali, mettendo a dura prova i bambini e le famiglie. La crisi climatica sta peggiorando ulteriormente la situazione, causando sfollamenti di massa, malnutrizione e malattie.

Nel 2022, grazie al sostegno dei donatori, sono stati forniti servizi per la prevenzione della malnutrizione a oltre 30 milioni di bambini e madri. Tuttavia, ulteriori finanziamenti flessibili sono necessari non solo per aiutare i bambini a riprendersi da questa crisi, ma anche per sviluppare sistemi più resilienti e sostenibili che possano resistere ai futuri impatti climatici e ad altri shock. Con i cicli meteorologici estremi che stanno caratterizzando il Corno d’Africa, è possibile che la prossima crisi si verifichi prima che i bambini e le loro famiglie abbiano avuto la possibilità di riprendersi completamente.

È fondamentale che la comunità internazionale continui a fornire sostegno finanziario e umanitario per affrontare questa crisi senza precedenti. Il sostegno deve includere l’assistenza alimentare e nutrizionale urgente per i bambini malnutriti, l’accesso all’acqua potabile, il ripristino delle infrastrutture danneggiate, la promozione di sistemi agricoli resilienti al clima e la costruzione di sistemi sanitari più forti.

Inoltre, è importante investire nella prevenzione e nella preparazione per affrontare le future crisi. Ciò implica la creazione di meccanismi di allerta precoce per rilevare i segni di insicurezza alimentare e malnutrizione, l’implementazione di strategie di adattamento climatico e la promozione di programmi di sicurezza alimentare a lungo termine che tengano conto degli impatti del cambiamento climatico.

Dobbiamo agire rapidamente e in modo coordinato per garantire che i bambini del Corno d’Africa abbiano accesso a cibo nutriente, cure mediche adeguate e un ambiente sicuro e protetto. Solo attraverso uno sforzo collettivo e una solidarietà internazionale possiamo combattere questa crisi umanitaria e lavorare verso un futuro più sicuro e prospero per i bambini del Corno d’Africa.

by United Nations Assistance Mission in Somalia

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI