venerdì, Aprile 19, 2024
HomeNotizieTre compagnie Usa pagheranno 1,18 miliardi di dollari per aver contaminato l'acqua...

Tre compagnie Usa pagheranno 1,18 miliardi di dollari per aver contaminato l’acqua con Pfas

In Michigan le società DuPont, Chemours e Corteva hanno raggiunto un accordo per pagare 1,18 miliardi di dollari per risolvere le denunce di inquinamento in molti sistemi di acqua potabile degli Stati Uniti, attraverso l’uso di composti noti come PFAS.

Le tre società hanno affermato che risarciranno i fornitori di acqua per la contaminazione con i “prodotti chimici per sempre” ampiamente utilizzati nei prodotti antiaderenti, resistenti all’acqua e al grasso, nonché in alcune schiume antincendio, attraverso un fondo che istituiranno.

I PFAS, che non si degradano naturalmente nell’ambiente, sono stati collegati a danni al fegato e al sistema immunitario, alcuni tipi di cancro e altri problemi di salute.

Sono stati rilevati nell’acqua potabile negli Stati Uniti a vari livelli.

L’accordo risolverà un caso programmato per il processo questa settimana riguardante una richiesta di inquinamento idrico da parte della città di Stuart, in Florida.

La città è una delle circa 300 comunità negli Stati Uniti che dal 2018 hanno intentato cause equivalenti contro le aziende che producevano schiuma antincendio o il PFAS contenuto nella schiuma. I casi sono pendenti presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti a Charleston, nella Carolina del Sud.

Tra i querelanti ci sono fornitori di acqua, aeroporti e un certo numero di stati e proprietari di pozzi privati.

In una dichiarazione, gli studi legali che rappresentano i querelanti hanno affermato: “Questo accordo rappresenta il primo di molti passi per iniziare a riparare i danni della contaminazione da PFAS nelle forniture di acqua potabile in America”.

L’accordo “risolverà in modo completo tutte le richieste di acqua potabile relative alla PFAS di una classe definita di sistemi idrici pubblici che servono la stragrande maggioranza della popolazione degli Stati Uniti”, hanno affermato le società in una dichiarazione congiunta.

L’accordo esclude i sistemi di proprietà degli stati o del governo degli Stati Uniti e i piccoli sistemi che non hanno rilevato PFAS e non sono legalmente tenuti a monitorarne la presenza.

by Michigan Department of Environment
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI