domenica, Giugno 16, 2024
HomeCulturaUE: Il 36% dei giovani verifica i contenuti online, adulti al 27%

UE: Il 36% dei giovani verifica i contenuti online, adulti al 27%

L’Eurostat ci dice che nel 2023, il 36% dei giovani di età compresa tra 16 e 29 anni nell’UE , che avevano utilizzato Internet 3 mesi prima dell’indagine, hanno cercato di verificare la veridicità delle informazioni o dei contenuti trovati su Internet da altre fonti.

Queste informazioni provengono dall’indagine sull’uso delle TIC nelle famiglie e da parte dei singoli individui pubblicata da Eurostat.

In 4 paesi dell’UE, la percentuale di giovani che hanno verificato contenuti online era superiore al 50%: Finlandia (61%), Paesi Bassi (60%), Croazia e Svezia (entrambi 53%).

Le percentuali più basse di giovani che hanno verificato contenuti online sono state registrate a Cipro (11%), Bulgaria (14%), Romania (15%), Lituania (21%) e Lettonia (27%). Questi 5 paesi sono tra i 14 che hanno registrato una diminuzione di questa quota tra le indagini del 2021 e del 2023.

L’indagine del 2023 ha mostrato un divario di 9 punti percentuali (pp) tra la quota di giovani (36%) e la popolazione adulta (27%) che hanno verificato i contenuti online. In Finlandia, questo divario ha raggiunto i 21 punti percentuali (61% rispetto al 39%).

Solo 2 paesi dell’UE hanno segnalato una percentuale maggiore di popolazione adulta che verifica contenuti online rispetto ai giovani: il 42% della popolazione totale contro il 36% dei giovani in Irlanda e il 15% contro il 14% in Bulgaria.

Per quanto riguarda le abilità digitali, la percentuale di giovani donne di età compresa tra 16 e 29 anni (73%) con competenze digitali di base è superiore a quella dei giovani uomini di età compresa tra 16 e 29 anni (69%).

A livello nazionale, un modello simile è stato osservato in 19 paesi dell’UE. I divari maggiori a favore delle giovani donne sono stati registrati in Croazia con una differenza di 14 pp (94% donne contro 80% uomini), Cipro con 12 pp (77%-65%) e Lussemburgo con 10 pp (67%-57%). ).

La situazione opposta, dove la quota di giovani maschi con almeno competenze digitali di base è superiore a quella delle giovani femmine, è stata registrata in Slovacchia con una differenza di 7 pp (da 65% a 72%), Estonia con 4 pp (da 85% a 89 %) e Romania con 3 pp (dal 44% al 47%).

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI