venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeCostumeUk Power Networks raddoppia i profitti ma nega l'adeguamento al costo della...

Uk Power Networks raddoppia i profitti ma nega l’adeguamento al costo della vita ai dipendenti

I distributori di energia stanno godendo di “profitti da far venire l’acquolina in bocca” poiché i loro stessi lavoratori, gli stessi che pagano le bollette, sono costretti alla povertà alimentare, hanno avvertito oggi i sindacalisti che hanno protestato davanti agli uffici di Crawley della ricchissima UK Power Networks dopo che il sindacato Unite ha avvertito che i suoi iscritti nel più grande distributore di elettricità nel sud-est dell’Inghilterra stanno lottando per sbarcare il lunario.

Al personale viene negato un aumento salariale del “costo della vita” e più di 15 mila residenti nella città del West Sussex non sono in grado di pagare bollette energetiche record nonostante i profitti dell’azienda superino i 2,4 miliardi di sterline, secondo l’accusa del sindacato.

La segretaria generale Sharon Graham ha dichiarato: “I lavoratori e le comunità sono duramente colpiti dagli eccessivi profitti”, dicendo: “L’economia britannica è distrutta”.

Una ricerca commissionata da Unite mostra che un quinto della popolazione di Crawley, 23.700 persone, soffre di povertà alimentare poiché l’inflazione elevata da 40 anni si combina con una mossa dei ministri Tory per congelare i costi del gas e dell’elettricità a un massimo medio annuo di £ 2.500.

Lo studio, condotto dalla principale società di sondaggi Survation, rivela anche che quasi un terzo delle persone nella zona si è indebitato o ha aumentato i propri livelli di indebitamento per far fronte all’aumento dei costi alimentari.

UK Power Networks, di proprietà del conglomerato CK Group con sede a Hong Kong, ha registrato un margine di profitto operativo medio di oltre il 50% tra il 2017 e il 2021, molto più alto rispetto a società del settore, secondo Unite.

Le bollette energetiche di un quarto delle famiglie britanniche vengono quindi gonfiate dai “profitti eccessivi dell’azienda, che a loro volta danneggiano comunità come Crawley”, ha affermato il sindacato.

“È il momento di sfidare i profittatori e porre fine all’avidità aziendale”, ha affermato la signora Graham. “I lavoratori e le comunità devono unirsi per chiedere salari più alti e libertà dalla povertà di carburante e cibo”.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI