venerdì, Aprile 19, 2024
HomeCulturaUn miliardo di persone povere minacciato dal colera

Un miliardo di persone povere minacciato dal colera

Un miliardo di persone in 43 paesi è a rischio di colera – una “pandemia che uccide i poveri” – nonostante la prevenzione e il trattamento siano relativamente semplici, hanno avvertito le Nazioni Unite.

Le Nazioni Unite hanno bollato la prospettiva come desolante, dicendo che non aveva le risorse per combattere i focolai, e che più tempo si perde per iniziare la battaglia, peggiore sarebbe stata la situazione.

Tra l’Organizzazione mondiale della sanità e l’agenzia per l’infanzia UNICEF, le Nazioni Unite stanno cercando 640 milioni di dollari per combattere la malattia infettiva, avvertendo di una possibile “catastrofe del colera” se l’azione non viene intensificata immediatamente.

“L’OMS stima che un miliardo di persone in 43 paesi sia a rischio di colera”, ha affermato Henry Gray, responsabile degli incidenti dell’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite per la risposta globale al colera.

Finora quest’anno, 24 paesi hanno segnalato focolai di colera , rispetto ai 15 di metà maggio dello scorso anno.

I paesi che di solito non sono colpiti dal colera sono colpiti e i tassi di mortalità per caso superano di gran lunga quello tipico su 100.

Gray ha attribuito l’aumento dei casi alla povertà, ai conflitti e ai cambiamenti climatici , nonché agli spostamenti di popolazione che provocano, che allontanano le persone da fonti più sicure di cibo e acqua e dal supporto medico.

“Con l’aumento del numero di paesi colpiti dal colera, le risorse disponibili per la prevenzione e la risposta sono più scarse”, ha detto durante un briefing con i media.

‘Il colera viene contratto da un batterio che viene generalmente trasmesso attraverso cibo o acqua contaminati.

Provoca diarrea e vomito e può essere particolarmente pericoloso per i bambini piccoli.

Jerome Pfaffmann Zambruni, capo dell’unità di emergenza sanitaria pubblica dell’UNICEF, ha affermato che l’aumento dei casi è stato “un campanello d’allarme”.

“C’è una pandemia che uccide i poveri proprio di fronte a noi e sappiamo esattamente come fermarla, ma abbiamo bisogno di più sostegno e meno inerzia da parte della comunità globale perché se non agiamo ora, la situazione peggiorerà”. Egli ha detto.

“Sappiamo come trattarlo. Sappiamo come controllarlo. Non è facile ma è semplice.”

Sebbene il colera possa uccidere in poche ore, può essere trattato con una semplice reidratazione orale e antibiotici per i casi più gravi.

Ma molte persone non hanno accesso tempestivo a tale trattamento.

Le epidemie possono essere prevenute garantendo l’accesso all’acqua pulita e migliorando la sorveglianza.

Ma la mancanza di fondi per una risposta rapida costerà vite che avrebbero potuto essere salvate, ha affermato Gray.

“La soluzione complessiva è un investimento a lungo termine nelle infrastrutture per le acque reflue”, ha aggiunto.

La campagna non è aiutata dalla scarsità di vaccini.

L’anno scorso sono state prodotte circa 36 milioni di dosi di vaccino contro il colera, ma non è visto come un prodotto attraente per i produttori, poiché di fatto non esiste mercato nei paesi ricchi.

Quest’anno sono state richieste oltre 18 milioni di dosi di vaccino orale contro il colera, ma solo otto milioni sono state rese disponibili, interrompendo le campagne di prevenzione.

Piuttosto che le due dosi complete, solo una viene rilasciata ai destinatari “per cercare di farla girare”, ha detto Gray.

Il numero di dosi disponibili potrebbe raddoppiare entro il 2025 e poi raddoppiare ancora entro il 2027.

“Non ne avremo abbastanza, anche con quei numeri, se l’attuale tendenza per i casi di colera continua”, ha detto Gray.

I casi di colera sono diminuiti costantemente nell’arco di 10 anni, ma la tendenza si è invertita nel 2021.

I paesi più colpiti finora quest’anno sono il Malawi e il Mozambico.

Altri nove paesi sono ritenuti in “crisi acuta”: Burundi, Camerun, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Kenya, Somalia, Siria, Zambia e Zimbabwe.

by Sokwanele – Zimbabwe
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI