sabato, Aprile 13, 2024
HomeCostumeUn terzo dei canadesi d'accordo con il suicidio assistito per i senzatetto

Un terzo dei canadesi d’accordo con il suicidio assistito per i senzatetto

A un terzo dei canadesi sta bene prescrivere l’assistenza al suicidio ai senzatetto, per nessun altro motivo se non il fatto che il paziente è povero o senzatetto.

I risultati sono contenuti in un recente sondaggio della Research Co. che ha approfondito quanto i canadesi fossero a proprio agio con lo stato attuale del regime MAID (assistenza medica in caso di morte) del paese.

A partire da marzo 2021, il Canada è diventato uno dei pochi paesi a legalizzare il suicidio assistito anche nei casi in cui un paziente non ha una malattia terminale. Da allora, un canadese può essere idoneo per il MAID semplicemente per avere una “condizione medica grave e irrimediabile”.

Research Co. ha rilevato che il 73% degli intervistati è favorevole all’attuale regime e solo il 16% si oppone.

I sondaggisti hanno anche trovato un numero non trascurabile di canadesi favorevoli al suicidio assistito nei casi in cui non era presente alcuna condizione medica di alcun tipo.

Se l’unica afflizione di un canadese fosse la “povertà”, il 27% ha affermato che gli andrebbe bene legalizzare l’accesso di quella persona al MAID. Un altro 28 per cento ha indicato i “senzatetto” come una categoria appropriata per qualificarsi al MAID.

Al 20% degli intervistati andava bene che il MAID garantisse l’accesso a chiunque per qualsiasi motivo. In altre parole, un quinto degli intervistati concorda con la frase del questionario “l’assistenza medica in caso di morte dovrebbe essere sempre consentita, indipendentemente da chi la richiede”.

In particolare, questi sostenitori più assolutisti del suicidio assistito erano distribuiti in modo abbastanza uniforme tra gruppi di età, regioni e persino dati demografici politici: il 20% dei conservatori, il 20% degli NDP ( New Democratic Party, socialdemocratico) e il 22% dei liberali ritengono che in qualsiasi caso debba essere permesso il suicidio.

Uno degli aspetti più controversi di MAID è stata una serie di casi di alto profilo in cui i canadesi con malattie gravi hanno optato per la morte solo dopo anni di impossibilità di ricevere cure mediche adeguate. Il sondaggio di Research Co. ha rilevato che anche una sottile maggioranza di intervistati era d’accordo. Il 51% ha approvato “l’impossibilità di ricevere cure mediche” come motivo sufficiente per una morte assistita.

Non è la prima volta che un sondaggio rileva come un numero significativo di canadesi sia disposto a espandere il MAID ben oltre il suo scopo originale, che era quello dell’eutanasia per i malati terminali.

Allo stesso modo , a febbraio, un sondaggio dell’Angus Reid Institute ha rilevato che il 61% dei canadesi era favorevole all’attuale regime MAID del paese.

La convivenza agevole dei canadesi con il MAID può spiegare perché è diventato così rapidamente più diffuso e liberalizzato che in quasi tutte le altre giurisdizioni che offrono suicidio assistito legalizzato.

Il Canada si distingue per la relativa mancanza di controlli sulla procedura: MAID può essere approvato e somministrato da infermieri mentre la maggior parte dei paesi richiede l’approvazione di un medico. Il Canada sta anche registrando un tasso alle stelle di decessi MAID ben al di là di qualsiasi altra esperienza all’estero.

Mentre solo 2.838 canadesi hanno optato per il suicidio assistito nel primo anno intero di MAID legalizzato dopo che l’approvazione della legge nel giugno 2016, dall’ultimo conteggio nel 2021 era salito a 10.064, con un aumento del 32,4% rispetto all’anno precedente .

La pratica di chiedere o raccomandare il suicidio assistito si è diffusa anche ben oltre i tradizionali confini del sistema sanitario. In particolare, il MAID è praticato abitualmente all’interno del sistema carcerario canadese, nonostante misure simili si siano rivelate profondamente controverse in Belgio, pioniere nella legalizzazione del suicidio assistito.

Tuttavia, la maggioranza degli intervistati in entrambi i sondaggi ha mostrato esitazione quando si è trattato del piano finale del Canada di estendere il suicidio assistito ai cittadini la cui unica condizione fosse la malattia mentale.

Solo il 31% degli intervistati dell’Angus Red Institute ha pensato che fosse una buona idea. Tra gli intervistati di Research Co., il 43% ha sostenuto MAID per i malati di mente contro il 45% che non lo ha fatto.

MAID per i malati di mente avrebbe dovuto diventare legale a marzo, ma è stato uno dei pochi casi in cui il Canada ha frenato la sua rapida espansione del suicidio assistito. Quella data è stata infine posticipata al 2024 per “prepararsi a una sicura e coerente valutazione di MAID in tutti i casi”.

Il sondaggio di Research Co. ha intervistato 1.000 adulti online tra il 22 e il 24 aprile. I dati sono stati ponderati statisticamente in base ai dati del censimento canadese e Research Co. afferma che il margine di errore è di più o meno 3,1 punti percentuali, 19 volte su 20.

Stato attuale del suicidio assistito nel mondo:By Vgonzalez630 – Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=100097316

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI