mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeCulturaUna previdenza sociale universale per ridurre povertà e disuguaglianza

Una previdenza sociale universale per ridurre povertà e disuguaglianza

Human Rights Watch e Development Pathways hanno sottolineato oggi che i governi e gli istituti di credito internazionali come il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale dovrebbero creare e sostenere sistemi di sicurezza sociale universali in linea con i loro obblighi in materia di diritti umani. Hanno fatto questo appello pubblicando un documento di domande e risposte sull’argomento. Date le crisi intersecanti, le crisi economiche e gli shock climatici, gli investimenti governativi a lungo termine nella sicurezza sociale universale sono più cruciali che mai.

La sicurezza sociale si basa sul principio che gli individui debbano godere dei loro diritti in tutte le fasi della vita, indipendentemente dalle loro circostanze. Comprende una rete di programmi governativi che forniscono supporto in diverse situazioni che possono influire sulla capacità di una persona di guadagnare un reddito adeguato, come malattia, disabilità, vecchiaia, disoccupazione e cura dei figli. Tuttavia, oltre la metà della popolazione mondiale non ha accesso a nessuna forma di sicurezza sociale. Anche nei paesi più ricchi, esistono lacune significative nella copertura e nell’adeguatezza, limitando l’efficacia dei sistemi di sicurezza sociale.

Lena Simet, ricercatrice senior sulla povertà e l’ineguaglianza presso Human Rights Watch, ha affermato che “la sicurezza sociale è uno strumento chiave per i governi per ridurre l’ineguaglianza e proteggere le persone dalla povertà, dalla fame o dall’insicurezza abitativa. La crisi economica, alimentare e climatica combinata dovrebbe spingere i governi a costruire sistemi di sicurezza che proteggano i diritti umani, anziché ridurre i programmi esistenti”.

Nel loro documento di domande e risposte, le organizzazioni spiegano gli obblighi e le responsabilità dei governi e delle entità che influenzano la spesa sociale, nonché l’importanza della sicurezza sociale universale nel soddisfare tali obblighi. Spiegano anche le basi della sicurezza sociale universale, come può ridurre e prevenire la povertà e l’ineguaglianza, proteggere i diritti umani anche durante le crisi e come i governi possano superare gli ostacoli nel fornirla.

La sicurezza sociale per tutti i membri della società è sia un diritto umano che una condizione necessaria per la realizzazione di altri diritti economici, sociali e culturali, in particolare il diritto a uno standard di vita adeguato, che include il diritto al cibo e a una casa dignitosa. Il diritto internazionale obbliga i governi a fornire sicurezza sociale e garantire l’accesso a servizi pubblici di qualità essenziali per i diritti umani, come l’istruzione, l’assistenza sanitaria, l’acqua e l’igiene.

Oltre quattro miliardi di persone sono prive di qualsiasi forma di protezione sociale, un termine comunemente utilizzato dalle agenzie delle Nazioni Unite e dalle organizzazioni internazionali per lo sviluppo. Questa mancanza di copertura è più concentrata nei paesi a basso e medio reddito, che affrontano lacune significative di finanziamento tra gli investimenti attuali e quelli necessari per mantenere un livello di base di sicurezza sociale. La copertura è più bassa in Africa, dove solo il 17,4% della popolazione è coperto da almeno un beneficio di protezione sociale. Anche se la copertura è più alta in Europa e in Nord America, Human Rights Watch ha documentato il fallimento di molte nazioni più ricche nel realizzare i diritti alla sicurezza sociale e a uno standard di vita adeguato, inclusi gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Spagna.

Le organizzazioni descrivono nel documento di domande e risposte come i governi possono affrontare le lacune nella copertura e nell’adeguatezza della sicurezza sociale. Spiegano anche perché i governi dovrebbero passare da programmi mirati a sistemi più universali.

I gruppi delineano come i paesi possano colmare le lacune finanziarie in modo da proteggere i diritti umani, ad esempio attraverso una tassazione progressiva sulla ricchezza e sugli utili eccessivi delle grandi imprese, combattendo l’evasione fiscale e l’elusione fiscale e frenando i flussi finanziari illeciti. Human Rights Watch esorta anche le nazioni più ricche a contribuire alla promozione di un Fondo Globale per la Protezione Sociale che rispetti i requisiti dei diritti umani.

Secondo Human Rights Watch e Development Pathways, i governi dovrebbero affrontare le lacune nella copertura e nell’adeguatezza della sicurezza sociale e invitare le nazioni credito a partecipare a processi di ristrutturazione del debito che rispettino i diritti e consentano ai governi di finanziare la sicurezza sociale universale. Le potenti istituzioni finanziarie internazionali come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale dovrebbero garantire che i loro programmi di prestito non compromettano il diritto alla sicurezza sociale, ad esempio imponendo limiti severi alla spesa pubblica come condizioni per i prestiti.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI