venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeMondoUsa e Taiwan contro la Cina: in guerra anche sul mercato dei...

Usa e Taiwan contro la Cina: in guerra anche sul mercato dei chip e dei semiconduttori

Tra le crescenti tensioni di Cina e Taiwan assume un ruolo importante la battaglia sulla carenza di chip semiconduttori in tutto il mondo, che alimenta una guerra fredda tecnologica tra Stati Uniti e Cina. Per ostacolare le ambizioni tecnologiche della Cina l’amministrazione Biden ha recentemente introdotto una nuova serie di linee guida per le aziende americane che commerciano con la Cina.

Il Dipartimento del Commercio, il 9 agosto, ha introdotto il CHIPS and Science Act del 2022 da 50 miliardi di dollari per rafforzare l’industria nazionale dei semiconduttori, comunemente denominata industria dei chip, come parte di un capitale di 280 miliardi di dollari per la ricerca e la produzione tecnologica avanzata.

Il severo provvedimento dell’amministrazione Biden nei confronti della Cina ha due ragioni particolari. Il primo è che gli Stati Uniti e i paesi più sviluppati sono preoccupati che la Cina utilizzi i semiconduttori per scopi distruttivi. Ultimamente, i crescenti attacchi informatici da parte di hacker sponsorizzati dallo stato cinese hanno sollevato preoccupazioni a Washington.

In secondo luogo, gli Stati Uniti sono anche preoccupati per l’uso da parte della Cina di semiconduttori o chip per scopi militari. Per questi motivi, gli Stati Uniti hanno mantenuto alta la pressione sulle società cinesi. Una vera guerra tecnologica è in corso tra i due paesi.

Oltre al CHIPS Act, gli Stati Uniti hanno anche tenuto la riunione preliminare di un gruppo di lavoro, soprannominato “Chip 4”, per discutere la resilienza e la cooperazione della catena di approvvigionamento dei semiconduttori.

Il gruppo comprende Taiwan Semiconductor Manufacturing Co Ltd, il più grande produttore di chip a contratto al mondo, i giganti sudcoreani di chip di memoria Samsung Electronics Co Ltd e SK Hynix e i principali fornitori giapponesi di materiali e apparecchiature per semiconduttori.

In questo clima alle società americane è vietato trattare e commerciare con la Cina per i prossimi due anni in questo settore. In breve, le aziende con sede negli Stati Uniti non potranno investire o sviluppare nulla relativo ai chip, in particolare in Cina.

Tra i molti domini in cui gli Stati Uniti e la Cina competono per ottenere un’influenza globale nella tecnologia, i chip semiconduttori sono uno degli aspetti più cruciali della loro competizione strategica di grande potenza. La rivalità è incentrata sui semiconduttori, un componente critico di ogni dispositivo elettronico.

Ultimamente, l’industria dei semiconduttori ha acquisito un peso significativo nei calcoli geopolitici del mondo poiché può influenzare le dimensioni economiche e militari globali. Ecco perché rimane un fattore cruciale nelle tensioni tra Stati Uniti, Cina e Taiwan.

L’impulso alla base di questa Guerra Fredda tecnologica può essere fatto risalire al 2015, quando la Cina ha annunciato la sua strategia “Made in China 2025”. Quello è stato il momento in cui il sistema globale della catena di approvvigionamento stava lottando e la Cina ha cercato di cogliere l’opportunità concentrandosi sul potenziamento della sua industria manifatturiera

Fu un campanello d’allarme per Washington. Con effetto immediato, l’amministrazione Trump iniziò a limitare le vendite di apparecchiature Huawei, uno dei principali produttori cinese nel settore delle telecomunicazioni e della tecnologia. Secondo Global Strat View, gli Stati Uniti hanno anche assicurato che le società con sede negli Stati Uniti non fornissero alcuna licenza di esportazione alle società che fornivano componenti a Huawei.

Lo scorso settembre, il governo degli Stati Uniti ha imposto sanzioni contro il più grande produttore di chip cinese – Semiconductor Manufacturing International Corporation (SMIC), citando il “rischio inaccettabile che SMIC venga utilizzato per fini militari”. Ciò ha danneggiato le ambizioni della Cina di diventare un leader mondiale nella tecnologia.

Uno degli effetti delle restrizioni statunitensi sulla Cina include le unità di elaborazione grafica o GPU, prodotte principalmente da società con sede nella Silicon Valley come Nvidia e Advanced Micro Devices. Sebbene questi componenti fossero inizialmente pensati per il rendering di immagini nei videogiochi, sono stati recentemente implementati nei supercomputer dagli scienziati. Apparecchi che sono utilizzati per scopi di ricerca e sviluppo di armi, nonché per la raccolta di informazioni. Alcuni dei sistemi su larga scala in Cina sono collegati alla sorveglianza.

by wuestenigel
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI