mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeNotizieUsa: Google indirizza le ricerche delle donne povere verso i centri antiaborto

Usa: Google indirizza le ricerche delle donne povere verso i centri antiaborto

Uno studio rivela con esattezza come Google indirizzi le sue utenti che cercano cliniche per abortire verso dei cosiddetti “centri di crisi”, organizzazioni che si atteggiano a cliniche per aborti solo per impedire alle donne di accedere alle cure per l’aborto.

La ricerca del Tech Transparency Project dimostra come le donne dei gruppi a basso reddito hanno maggiori probabilità di essere prese di mira da Google per la promozione di annunci e informazioni contro l’aborto.

I ricercatori del Tech Transparency Project, un centro di ricerca che cerca di responsabilizzare le grandi aziende tecnologiche, hanno creato account di prova in tre diverse città negli Stati Uniti, Atlanta, Miami e Phoenix.

Nel fornire i dati per gli account, questi sono stati realizzati a nome di donne appartenenti a tre gruppi di reddito suggeriti da Google: reddito medio o basso, reddito moderatamente alto e reddito alto.

Da questi account hanno inserito parole chiave specifiche come “cliniche per aborti vicino a me” e “voglio abortire”.

I risultati della ricerca hanno mostrato che le donne a basso reddito sono maggiormente prese di mira dagli annunci direttamente o indirettamente contrari all’aborto rispetto a quelle più ricche.

A Phoenix, ad esempio, il 56% degli annunci contro l’aborto sono stati mostrati ad account che rappresentavano donne a reddito medio-basso. Ad Atlanta, il 42% degli annunci è stato mostrato a questo gruppo.

È importante notare qui che le donne dei gruppi a basso reddito hanno meno probabilità di potersi permettere di percorrere lunghe distanze per accedere a una clinica che pratica aborti. Pertanto, di solito cercano cliniche nei propri quartieri.

La responsabile del Tech Transparency Project, Katie Paul, ha dichiarato: “Indirizzando le donne a basso reddito verso i “centri di crisi della gravidanza”, antiabortisti, più frequentemente rispetto alle donne a reddito più elevato negli stati con leggi restrittive, Google contribuisce a farle ritardare nel trovare una vera clinica per l’aborto per ottenere un aborto legale e sicuro”.

“Le donne a basso reddito sono prese di mira e sono quelle che soffriranno di più a causa di queste politiche”, ha aggiunto.

Ma cosa sono i centri di crisi della gravidanza, che si stanno diffondendo negli Usa dopo la sentenza della Corte Suprema contro l’aborto?

Secondo una rivista chiamata Perspectives on Sexual and Reproductive Health , la “missione primaria di un centro di crisi della gravidanza è dissuadere le donne dalla scelta dell’aborto”.

I centri, che sono per lo più affiliati a organizzazioni religiose, offrono servizi come test di gravidanza e aiutano anche con risorse come pannolini o vestiti per neonati, oltre a consulenza con un messaggio contro l’aborto.

L’agenzia di stampa internazionale Associated Press ha invitato i suoi giornalisti a mettere il termine “centri di crisi della gravidanza” tra virgolette e a usare invece il più esatto termine “centro anti-aborto”, per comunicare che l’obiettivo generale dei centri è prevenire gli aborti .

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI