giovedì, Maggio 23, 2024
HomeCostumeVietato vendere casa ai cinesi in Florida e in molti altri Stati...

Vietato vendere casa ai cinesi in Florida e in molti altri Stati Usa

Pochi mesi fa una corte d’appello statunitense ha impedito alla Florida di imporre ai cittadini cinesi il divieto di possedere case o terreni nello stato. La sentenza riguardava due cittadini cinesi che erano in procinto di acquistare proprietà al momento dell’adozione della legge nello stato governato dal repubblicano Ron DeSantis.

Quella sentenza però è rimasta relativa ai due querelanti. Oltre a vietare alle entità cinesi di acquistare terreni agricoli, c’informa il New York Times, la legge vieta di fatto alla maggior parte dei cittadini cinesi senza carta verde di acquistare proprietà residenziali.

Il governatore Ron DeSantis ha firmato il provvedimento l’estate scorsa, poco prima di lanciare la sua campagna presidenziale repubblicana, avvertendo gli elettori che la Cina rappresenta la più grande minaccia per gli Stati Uniti. “Non vogliamo il Partito Comunista Cinese in Florida” è stato il suo slogan, prima di essere asfaltato da Donald Trump nella corsa per la presidenza Usa.

La legge è stata attualmente impugnata presso il tribunale federale, ma il suo peso politico ha creato un sentimento negativo verso i cinesi tra la popolazione e la paura dei cinesi, anche quelli residenti da decenni in Florida.

Secondo la legge, in caso di concretizzazione dell’acquisto, un acquirente cinese potrebbe finire in prigione, e i venditori e gli agenti immobiliari potrebbero essere ritenuti responsabili, perchè alla base del provvedimento sono addotti motivi di sicurezza nazionale.

Oltre al razzismo evidente della legge, esiste un grande paradosso relativo al mercato immobiliare dell’area. Gli urbanisti e gli architetti, le grandi società della Florida, fanno affidamento proprio su investitori cinesi per realizzare i maggiori progetti e la legge sembra invece aver vietato tali finanziamenti, provocando il rifiuto da parte di mportanti gruppi di lobbying immobiliare a partecipare.

La legge della Florida impedisce ai proprietari stranieri di altri sei “paesi preoccupanti”, come Cuba, Venezuela, Siria, Iran, Russia e Corea del Nord, di possedere proprietà. Ma le restrizioni più onerose e le sanzioni più dure sono rivolte specificamente ai cittadini cinesi.

Tabitha Kaylee Hawk CC BY-NC-ND 2.0 DEED

Committee of 100, l’organizzazione leader per i cinesi americani in materia di impegno civico, politiche pubbliche, arte, cultura e filantropia, ha monitorato 151 progetti di legge che limitano la proprietà immobiliare da parte di entità straniere, esaminati da 32 stati (115 progetti di legge) e dal Congresso (36 progetti di legge) soltanto nel 2024 e 241 nel 2023.

Indiana, Nebraska e South Dakota hanno già trasformato in legge quest’anno le misure contro i cinesi simili a quelle della Florida, e si aggiungono ad Arkansas e West Virginia che lo avevano già fatto l’anno scorso.

Il divieto della Florida viola la Costituzione degli Stati Uniti prendendo di mira specificamente i cittadini cinesi, ha affermato Bethany Li, direttrice legale dell’Asian American Legal Defense and Education Fund, uno dei gruppi che ha rappresentato i querelanti nel ricorso alla Corte d’Appello.

Eppure secondo i dati dello stesso Dipartimento dell’agricoltura Usa la Cina o i cinesi residenti negli Usa, posside meno dell’1% dei terreni di proprietà straniera, quindi neanche l’eventuale pericolo di una sproporzione verso altre comunità giustifica le leggi entrate invigore negli Stati, tutti di destra, che hanno seguito la Florida.

Come sempre sono le imprese a temere che questo impeto ad assumere un atteggiamento duro nei confronti di Pechino, sforzo che diventa molto più pesante nei singoli stati che a livello del governo federale, potrebbero avere conseguenze indesiderate.

L’amministrazione Biden, che ha cercato di ridurre la dipendenza dell’America dalla Cina aumentando la produzione nazionale e rafforzando i legami commerciali con gli alleati, si trova oggi di fronte a un bivio. L’ondata di sentimento anti cinese che si nasconde dietro queste leggi potrebbe favorire la corsa di Donal Trump alla presidenza. già durante il suo mandato Trump aveva imposto forti dazi a Pechino sui suoi prodotti.

L’altra questione in sospeso riguarda l’applicabilità della legge in Florida durante la sua revisione da parte del tribunale federale. Non è chiaro infatti se questo significa una sospensione del provvedimento o rimanga comunque in vigore.

“Ron DeSantis” by Gage Skidmore is licensed under CC BY-SA 2.0.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI