venerdì, Aprile 19, 2024
HomeMondo19 milioni di kenioti vivono al di sotto della soglia di povertà

19 milioni di kenioti vivono al di sotto della soglia di povertà

Secondo il Tesoro nazionale del Kenya, circa 19,1 milioni di kenioti vivono al di sotto della soglia di povertà nel paese. Inoltre, almeno 15,1 milioni di persone sono considerate povere di cibo. La soglia di povertà rappresenta la spesa minima necessaria per soddisfare i bisogni alimentari e non alimentari di base di un individuo.

Nel 2021, un individuo che vive in un’area urbana è considerato povero se spende meno di 7.193 scellini al mese. Per coloro che risiedono nelle zone rurali del Kenya, la soglia di povertà è di 3.947 scellini al mese. Queste diverse soglie si applicano a causa dei diversi modelli di consumo nelle aree rurali e urbane.

Il segretario di gabinetto del Tesoro nazionale, Njuguna Ndung’u, ha riferito che il tasso di povertà nel paese nel 2021 è stato del 38,6%, in calo rispetto al 42,9% registrato nel 2020. Tuttavia, è importante notare che questo tasso di povertà del 2021 è aumentato rispetto al 36,1% dell’anno finanziario 2015/2016.

Come accade da anni, il tasso di povertà nelle aree rurali (40,7%) è superiore a quello nelle aree urbane (34,1%). La soglia di povertà viene modificata annualmente dal Kenya National Bureau of Statistics (KNBS).

La soglia di povertà complessiva per coloro che vivono nelle aree urbane è aumentata costantemente da 5.994 scellini al mese nel 2019 a 7.193 scellini nel 2021. Ciò indica che è necessario un maggiore reddito per soddisfare i bisogni alimentari e non alimentari di base rispetto al 2019. Nelle zone rurali, la soglia di povertà complessiva è passata da 3.255 scellini nel 2019 a 3.947 scellini nel 2021.

Per quanto riguarda la povertà alimentare, nel 2021 si è attestata al 30,5%, in calo rispetto al 32% registrato nell’anno finanziario 2015/2016. Ciò significa che nel 2021, 15,1 milioni di kenioti erano poveri di cibo. La povertà alimentare si riferisce alla mancanza di cibo sufficiente per fornire l’energia calorica minima necessaria a una persona ogni mese. Chiunque nelle zone rurali non sia stato in grado di spendere 2.331 scellini al mese per cibo nel 2021 è stato considerato povero di cibo.

by Oxfam International
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI