mercoledì, Aprile 17, 2024
HomeMondoElezioni in India, tra il nazionalismo dispotico di Modi e le tentazioni...

Elezioni in India, tra il nazionalismo dispotico di Modi e le tentazioni separatiste del sud

Negli ultimi dieci anni, sotto la guida di Narendra Modi, l’India, una nazione di 1,4 miliardi di persone nota per la sua ricchezza culturale e diversità, ha intrapreso una trasformazione verso un’identità più omogenea, fortemente influenzata dall’ideologia nazionalista indù del primo ministro.

Modi ha esercitato una notevole influenza su vari aspetti della società indiana, dai media e il parlamento nazionale, fino a settori della società civile e, occasionalmente, persino il sistema giudiziario. Tuttavia, la sua autorità si scontra con la resistenza di alcuni degli stati più prosperi dell’India, che rappresentano i pilastri della crescita economica del paese.

La direzione futura dell’India, la più grande democrazia del mondo, insieme al suo percorso economico, sembra pendere dalla bilancia di questo conflitto per il controllo. Modi, favorito per un terzo mandato nelle imminenti elezioni nazionali del 19 aprile, sta rafforzando la sua presa in modi che i detrattori etichettano come tentativi di destabilizzare i governi statali non allineati al suo partito.

Critiche però si levano contro l’amministrazione Modi per aver rallentato i finanziamenti federali, perseguitato politicamente gli avversari, e generato caos politico negli stati ostili.

Questa tensione sta mettendo a dura prova la delicata struttura federale dell’India, una nazione divisa in 28 stati e otto territori. L’accusa più grave è quella di trattare gli stati oppositori quasi come colonie, un atteggiamento che rischia di fratturare ulteriormente il tessuto nazionale.

Alcuni stati del Sud, tra i più avanzati e innovativi, hanno minacciato di formare “nazioni separate” se l’ingiustizia persiste, mentre Modi accusa i governi statali di alimentare sentimenti separatisti.

“In many parts of India still great poverty prevails” by Peter van der Sluijs is licensed under CC BY-SA 3.0.

Gli analisti temono che il movimento verso un controllo centralizzato possa compromettere la crescita dell’India, specialmente perché i grandi progetti di spesa nazionale non sempre si allineano con le esigenze di regioni che hanno superato da tempo tali fasi di sviluppo.

Modi propone una soluzione semplice: gli stati dovrebbero allinearsi al suo partito, il Bharatiya Janata Party (BJP), per godere di un governo “a doppio motore” che sincronizzi gli sforzi a livello nazionale e statale.

La resistenza a questa visione si manifesta in varie forme, dai governatori statali in conflitto con le amministrazioni locali, fino a proteste drammatiche degli stati contro la gestione delle finanze federali. La situazione a Delhi, dove il primo ministro in carica è stato arrestato, esemplifica le profonde divisioni e la disfunzione che affliggono il paese.

Questa lotta per il potere non solo evidenzia la divisione tra il prospero Sud e il bastione del sostegno a Modi nel Nord, ma solleva anche preoccupazioni sul futuro del federalismo indiano. Mentre Modi si sforza di promuovere un’India unita sotto il governo del suo partito, molti temono la perdita di autonomia e la centralizzazione del potere come minacce alla diversità e alla democrazia dell’India.

In questo contesto, l’India si trova a un bivio critico: continuare sulla via della centralizzazione sotto la guida di Modi, o preservare la sua struttura federale e la ricchezza della sua diversità. La decisione influenzerà non solo la traiettoria politica dell’India, ma anche le sue aspirazioni di diventare una potenza economica globale, bilanciando lo sviluppo con il rispetto per le sue molteplici identità.

“Prime Minister Narendra Modi during his ‘Mann ki Baat’ on All India Radio (cropped) (cropped)” by Prime Minister’s Office, Government of India is licensed under CC BY-SA 2.0.
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI