mercoledì, Aprile 17, 2024
HomeCulturaEstremismo religioso e terrorismo in Pakistan, la preoccupazione per i diritti umani

Estremismo religioso e terrorismo in Pakistan, la preoccupazione per i diritti umani

In un simposio tenutosi a Ginevra, esperti e attivisti hanno fatto luce sui problemi attuali del terrorismo e dell’estremismo religioso in Pakistan, sottolineando l’impatto sulla pace nell’Asia meridionale.

Il simposio si è aperto con una discussione che fa riflettere sull’uso storico della religione e del terrorismo come politiche statali in Pakistan, che colpiscono le comunità emarginate come i pashtun, i beluci e i sindhi.

Gli attivisti hanno sottolineato l’urgente necessità che la comunità internazionale prenda atto e ritenga il Pakistan responsabile su una piattaforma globale.

I partecipanti hanno espresso preoccupazione per la persistenza delle politiche, denunciando la manipolazione nel processo elettorale e la mancanza di trasparenza nei meccanismi democratici.

Sono state sottolineate le potenziali ripercussioni di questi problemi sulla stabilità della regione, con avvertimenti di possibile disintegrazione se non verranno intraprese tempestivamente azioni correttive.

La necessità di dialogo politico e la liberazione di alcune figure politiche dalla prigione sono diventate punti focali nelle discussioni sulle possibili soluzioni.

Il simposio mirava ad attirare l’attenzione sulla situazione allarmante in Pakistan e sulle sue potenziali conseguenze per la pace regionale. La richiesta di responsabilità, trasparenza e intervento internazionale è echeggiata durante le discussioni, sottolineando l’urgenza di affrontare le crescenti sfide poste dal terrorismo e dall’estremismo nell’Asia meridionale.

 by Banksboomer is licensed under CC BY-SA 4.0.

Fazal-Ur Rehman, presidente del Khyber Institute, ha sottolineato l’oppressione storica subita da pashtun, beluci e sindhi, attribuendola all’uso della religione e del terrorismo come politiche statali da parte del Pakistan.

“Come sapete, fin dalla nascita del contorto stato del Pakistan, la religione e il terrorismo sono stati usati come politica statale e strumento per opprimere e sopprimere le nazioni storiche del Pakistan. Proprio come i Baloch e i Sindhi pashtun. E voi conoscete il coerente guerre continue in Belucistan in cui migliaia di persone innocenti sono state uccise e migliaia sono probabilmente scomparse e torturate”, ha detto.

Ha esortato la comunità internazionale a prendere atto delle azioni del Pakistan e a rendere lo Stato responsabile davanti alle Nazioni Unite e alla Corte internazionale di giustizia. “Quindi è molto importante che la comunità internazionale prenda atto del processo terroristico di stato nella regione e renda lo stato del Pakistan responsabile davanti alle Nazioni Unite e alla Corte internazionale di giustizia”, ​​ha aggiunto l’attivista politico pashtun.

Sardar Shaukat Ali Kashmiri, presidente dell’UKPNP, ha espresso preoccupazione per la persistenza delle politiche del Pakistan, citando elezioni manipolate e una mancanza di trasparenza. Ha messo in guardia dalla potenziale disintegrazione se l’establishment non riesce a imparare dalla storia, richiamando l’attenzione internazionale sulla terribile situazione.

“In realtà la situazione pakistana è molto peggiore perché l’establishment non ha cambiato le sue politiche. Credono ancora nei loro delegati e soprattutto nelle nostre zone le infrastrutture terroristiche, i campi di addestramento sono ancora intatti e la situazione è peggiore. E voi avete visto le elezioni in Pakistan

È l’establishment che manipola l’intera elezione. Non sono state trasparenti, non sono state elezioni libere ed eque e alla fine nella società c’è un grande caos e secondo me il Pakistan sta per crollare perché l’establishment pakistano non ha imparato alcun tipo di lezione dalla storia”, ha affermato il presidente dell’UKPNP.

Charles Graves, presidente della FICIR e dell’ICAT, inizialmente vedeva Imran Khan come un potenziale agente di cambiamento. Tuttavia, ha espresso disappunto per l’apparente ritorno del governo ai vecchi sistemi, sottolineando la necessità del dialogo politico e della liberazione di Khan dal carcere.

“Beh, il Pakistan, secondo me, è un paese problematico perché non sembra in grado di affrontare il tipo terrorista delle persone nell’esercito e così via. Ma con Imran Khan, sembrava che potesse fare un cambiamento . Ma con la caduta di Imran Khan si è tornati al vecchio sistema. Ma Imran Khan potrebbe essere una soluzione, almeno per alcune persone”, ha detto Graves.

L’attivista per i diritti umani Arif Aajakia ha accusato il Pakistan di essere “l’epicentro del terrorismo globale” e il più grande esportatore di estremismo religioso. Ha chiesto misure drastiche, esortando la comunità internazionale, in particolare le Nazioni Unite, a dichiarare l’esercito pakistano e l’ISI gruppi terroristici, imporre sanzioni e portare gli ufficiali militari pakistani davanti alla Corte internazionale di giustizia per i tribunali per crimini di guerra.

“Il Pakistan è l’epicentro del terrorismo globale e ha sempre promosso l’estremismo religioso in diverse parti del mondo, soprattutto nei paesi vicini come India, Afghanistan e anche recentemente l’Iran, anch’esso attaccato con missili in Pakistan contro un gruppo estremista religioso creato dalla madre di tutti. servizi segreti antiterrorismo, ISI del Pakistan”, ha detto, lamentandosi del Pakistan.

I relatori hanno trasmesso collettivamente un messaggio alle autorità internazionali, sottolineando la necessità di un’azione decisiva per affrontare la crescente situazione in Pakistan e le sue implicazioni per la pace regionale. L’appello alla responsabilità e all’intervento mira a salvaguardare i diritti umani e contrastare l’influenza del terrorismo e dell’estremismo nella regione dell’Asia meridionale.

Il simposio, intitolato “Estremismo religioso e terrorismo in Africa e Asia”, ha cercato di affrontare queste preoccupazioni e di far luce sul ruolo del Pakistan nel promuovere l’estremismo religioso a livello globale.

 by Alisdare Hickson is licensed under CC BY-SA 4.0.
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI