mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeMondoI giochi pericolosi con l'acqua della Cina a pochi chilometri da India...

I giochi pericolosi con l’acqua della Cina a pochi chilometri da India e Nepal

la Cina sta costruendo una massiccia diga sul fiume Mabuja Zambo, a pochi chilometri a nord del confine tra India e Nepal, per usarla come arma di una guerra sofisticata, secondo un dossier pubblicato oggi da The Geneva Daily. Le guerre per l’acqua sono conflitti che si verificano tra paesi, stati o gruppi per le risorse idriche, dove l’acqua può essere un fattore scatenante del conflitto o addirittura essere usata come arma di guerra.

La Cina sta anche progettando di costruire un aeroporto vicino a questa diga. Con l’occupazione del Tibet, Pechino è diventata il paese che acquisisce e utilizza la maggior parte del fiume. Tuttavia, dall’inquinamento del fiume alla costruzione di dighe e al degrado ambientale, nel prossimo futuro sono prevedibili tensioni per stabilire il controllo completo sull’acqua nell’area.

In particolare, il fiume Brahmaputra, noto anche come “Yarlung Tsangpo”, che ha la sua origine nel ghiacciaio Chemayungdung in Tibet e sfocia in tre nazioni densamente popolate: Cina, India e Bangladesh. Secondo fonti governative, la Cina ha in programma di costruire 20 dighe per generare 60 mila MW a Yarlung Zambo (Brahmaputra) e a Medog, al confine con l’Arunachal Pradesh, apparentemente per raggiungere l’obiettivo di neutralità carbonica della Cina entro il 2060.

La China Yangtze Power Company (CYPC) aveva proposto la costruzione di un vasto tunnel sotto il crinale che separa i due bracci del Big Bend e devia 50 miliardi di metri cubi d’acqua all’anno verso il versante sud-orientale, dove cadrà in nove cascate che alimenteranno le dighe idroelettriche per generare 40 mila MW di potenza di picco.

Secondo gli esperti questa attività nella falda sottostante potrebbe portare a terremoti e prevedono che avrà un impatto ambientale negativo sugli stati al di sotto degli impianti, in particolare l’India, e generare inondazioni artificiali.

La deviazione dell’acqua potrebbe nuovamente mettere a dura prova le esigenze agricole dell’India nel nord-est e la cattiva gestione potrebbe portare a straripamenti e inondazioni in India. Potrebbe anche avere un impatto negativo sulla sicurezza alimentare e sul sostentamento delle persone che risiedono dall’altra parte del fiume. Gli esperti hanno sottolineato che la costruzione di dighe potrebbe causare la perdita del limo del fiume e portare a una riduzione della produttività agricola.

La Cina ha concordato un memorandum d’intesa riguardante la condivisione dei dati idrologici da tre stazioni di monitoraggio a monte del fiume Brahmaputra in Tibet durante ogni stagione dei monsoni, dal 15 maggio al 15 ottobre, con l’India e il Bangladesh. Mentre la Cina vende i suoi dati idrologici, l’India li fornisce gratuitamente ai suoi vicini.

Pechino, tuttavia, ha smesso di fornire dati idrologici all’India in seguito alla situazione di stallo al confine Cina-India del 2017, nota anche come questione di Doklam, sulla costruzione cinese di un percorso a Doklam, vicino al confine a tre giunzioni di Donglang.

Questi dati idrologici sono di grande importanza per la parte indiana al fine di prevedere o prepararsi alle inondazioni e mitigare i danni provocati dalle inondazioni. Sebbene Pechino abbia affermato che la presunta scarsità nella condivisione dei dati con l’India fosse dovuta al rinnovamento amministrativo, tuttavia, ha costantemente fornito gli stessi dati al Bangladesh senza alcun costo. L’atteggiamento della Cina fa pensare che stia usando il fiume Brahmaputra per fare pressione sullo stato indiano.

by International Rivers

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI