mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeCulturaLa povertà causa di estremismo nell'Africa sub-sahariana

La povertà causa di estremismo nell’Africa sub-sahariana

Secondo le Nazioni Unite, sempre più persone si uniscono a gruppi islamisti violenti nell’Africa sub-sahariana . I fattori di ciò sono le conseguenze del cambiamento climatico e della pandemia di coronavirus , nonché l’elevata inflazione, secondo un rapporto del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP).

Secondo questo, il 92% in più di persone si è unito a gruppi estremisti nella speranza di una vita migliore rispetto a un precedente sondaggio del 2017. D’altra parte, meno persone si uniscono a tali gruppi per motivi religiosi: questo numero è diminuito del 57%.
Secondo il rapporto, circa il 71% di coloro che si sono uniti a gruppi estremisti ha dichiarato di averlo fatto a causa di violazioni dei diritti umani da parte delle forze statali.

“L’Africa subsahariana è diventata il nuovo epicentro dell’estremismo violento globale, rappresentando il 48% delle morti per terrorismo globale nel 2021”, ha dichiarato l’amministratore dell’UNDP Achim Steiner in una conferenza stampa. L’aumento dell’estremismo non solo costa vite umane, ma danneggia anche “il progresso dello sviluppo faticosamente conquistato per le generazioni future”.

Secondo Steiner, le operazioni militari contro l’estremismo non hanno avuto successo. Sono “spesso costose e minimamente efficaci”. Allo stesso tempo, gli investimenti in misure preventive contro l’estremismo sono “deplorevolmente insufficienti”. “Il contratto sociale tra Stato e cittadini deve essere rinvigorito per affrontare le cause profonde dell’estremismo violento”, ha affermato Steiner.

Gli autori del rapporto hanno intervistato 2.200 persone in otto paesi: Burkina Faso, Camerun, Mali, Niger, Nigeria, Somalia, Sudan e Ciad. Più di mille degli intervistati sono ex membri di gruppi estremisti, tra volontari e coscritti.

Dal 2017 sono stati registrati almeno 4.155 attacchi, che hanno ucciso più di 18.000 persone. La maggior parte dei morti era in Somalia . Gli intervistati appartenevano a gruppi estremisti come al-Shabaab in Somalia, Boko Haram in Nigeria e Jama’at al-Islam wal Muslimeem dell’Africa occidentale, legati al gruppo terroristico Stato islamico.

Il rapporto dell’UNDP raccomanda migliori servizi di base tra cui la protezione dei bambini e dei giovani, l’istruzione e migliori mezzi di sussistenza per prevenire l’estremismo.

by AMISOM Public Information

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI