martedì, Aprile 16, 2024
HomeNotizieLa povertà è la quarta causa di morte della popolazione negli Stati...

La povertà è la quarta causa di morte della popolazione negli Stati Uniti

La povertà è stata a lungo collegata alla durata più breve della vita. Ma quante morti negli Stati Uniti sono associate alla povertà? Il numero è stato impreciso, almeno fino alla pubblicazione di uno studio.

Il documento della UC Riverside pubblicato lunedì sul Journal of the American Medical Association ha associato la povertà a circa 183 mila morti negli Stati Uniti nel 2019 tra le persone di età pari o superiore a 15 anni.

Questa stima è considerata prudente perché i dati risalgono all’anno appena precedente alla pandemia di COVID-19, che ha causato picchi di decessi in tutto il mondo e continua a farsi sentire.

L’analisi ha rilevato che solo le malattie cardiache, il cancro e il fumo erano associati a un numero maggiore di decessi rispetto alla povertà. Obesità, diabete, overdose di droga, suicidi, armi da fuoco e omicidi, tra le altre comuni cause di morte, erano meno letali della povertà.

“La povertà uccide tanto quanto la demenza, gli incidenti, l’ictus, l’Alzheimer e il diabete”, ha affermato David Brady, l’autore principale dello studio e professore di politica pubblica dell’UCR. “La povertà ha ucciso silenziosamente un numero di persone 10 volte superiore a tutti gli omicidi del 2019. Eppure, le armi da fuoco per omicidi e i suicidi ricevono molta più attenzione”.

Un’altra scoperta è che le persone che vivono in povertà – quelle con redditi inferiori al 50% del reddito mediano degli Stati Uniti – hanno all’incirca gli stessi tassi di sopravvivenza fino al raggiungimento dei 40 anni di età, dopodiché muoiono a tassi significativamente più alti rispetto alle persone con redditi più adeguati e maggiori risorse.

L’analisi ha stimato il numero di decessi per povertà analizzando i dati sul reddito conservati dall’Institute for Social Research dell’Università del Michigan e i dati sui decessi ricavati dalle indagini sulle famiglie del Cross-National Equivalent File. I decessi riportati nei sondaggi sono stati convalidati nel National Death Index, un database tenuto dal National Center for Health Statistics, che tiene traccia dei decessi e delle loro cause negli Stati Uniti

Le loro scoperte hanno importanti implicazioni politiche, affermano i ricercatori.

“Poiché alcuni gruppi di minoranze etniche e razziali hanno molte più probabilità di essere in povertà, le nostre stime possono migliorare la comprensione delle disuguaglianze etniche e razziali nell’aspettativa di vita”, si legge nel documento.

Inoltre, lo studio mostra che la povertà dovrebbe ricevere maggiore attenzione da parte dei responsabili politici, ha affermato Brady, direttore della Blum Initiative on Global and Regional Poverty dell’UCR.

Al di là della sofferenza emotiva dei familiari e degli amici sopravvissuti, le morti sono associate a un grande costo economico. Gli esperti concordano sul fatto che una morte è costosa per una famiglia, una comunità e un governo, ha detto Brady.

“Se avessimo meno povertà, ci sarebbero una salute e un benessere di gran lunga migliori, le persone potrebbero lavorare di più e potrebbero essere più produttive”, ha detto Brady. “Questi sono tutti i vantaggi di investire nelle persone attraverso le politiche sociali”.

Il documento è intitolato “Nuove stime della mortalità associata alla povertà negli Stati Uniti”. Oltre a Brady, gli autori dello studio includono il professor Ulrich Kohler dell’Università di Potsdam, in Germania, e il professor Hui Zheng della Ohio State University di Columbus.

Foto di Library of Congress su Unsplash

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI