domenica, Aprile 14, 2024
HomeCostumeLa Svizzera introduce con un referendum la "tredicesima" sulle pensioni

La Svizzera introduce con un referendum la “tredicesima” sulle pensioni

In Svizzera, gli anziani potranno probabilmente beneficiare di un pagamento aggiuntivo annuale alla loro pensione, in seguito a un referendum in cui il 58% dei votanti ha espresso il proprio favore verso l’introduzione di una tredicesima pensione annuale. Questa decisione, che ha ottenuto anche il necessario sostegno dalla maggioranza dei Cantoni, è stata salutata come un momento epocale dall’associazione dei pensionati Avivo.

L’iniziativa, promossa dai sindacati con lo slogan “Per una vita migliore nella terza età”, mira a introdurre un extra pensionistico per gli anziani, analogo alla tredicesima mensilità già percepita da molti lavoratori in Svizzera e altri paesi europei. Questo rappresenta il primo ampliamento significativo del welfare per gli anziani in quasi mezzo secolo in Svizzera, dove per l’approvazione di referendum è richiesta sia la maggioranza popolare che quella dei 26 cantoni. La riuscita di questa iniziativa è considerata notevole dato il frequente fallimento di proposte simili a causa dell’opposizione nei cantoni più piccoli.

Questa votazione segna anche la prima volta che un referendum sul fondo pensionistico statale viene accettato dall’elettorato svizzero, dopo che numerose proposte precedenti erano state respinte. Il governo svizzero aveva espresso contrarietà all’iniziativa, sottolineando che l’aumento proposto avrebbe avuto un costo annuale superiore ai quattro miliardi di franchi, necessitando aumenti fiscali e mettendo a rischio la sostenibilità finanziaria del sistema previdenziale.

Il dibattito pre-referendum è stato acceso, con gli oppositori, principalmente associazioni imprenditoriali, che hanno investito significativamente nella campagna contraria, criticando l’aumento generalizzato delle pensioni come un approccio inefficiente. Tuttavia, i sostenitori hanno evidenziato l’elevato costo della vita in Svizzera come giustificazione per l’aumento, riuscendo a mobilitare un’ampia partecipazione al voto.

L’iniziativa ha ottenuto il supporto di partiti di sinistra, mentre l’Unione Popolare Svizzera (SVP) di destra populista ha preso posizione contro. Nonostante ciò, una parte della base dell’SVP aveva anticipato il proprio voto favorevole. Inoltre, è stata respinta un’altra proposta popolare che mirava ad aumentare gradualmente l’età pensionabile da 65 a 66 anni, con tre quarti dei votanti contrari.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI