giovedì, Ottobre 6, 2022
HomeMondoL'ascesa militare dell'India

L’ascesa militare dell’India

Nelle ultime settimane abbiamo pubblicato molte notizie dall’India, occupandoci della sua ritrovata espansione economica, seppur all’interno della crisi derivata dagli aumenti dei beni e dalla guerra. Un ritrovato ruolo internazionale, grazie anche a una presenza economica in Africa e al mantenimento dei rapporti con gli Usa e con la Cina. Ma c’è un ulteriore aspetto che merita di essere approfondito ed è quello militare.

L’India sta continuando a rafforzare la sua industria della difesa nazionale, come evidenziato dalla recente decisione del Ministero della Difesa di procurarsi 287 miliardi di rupie (3,6 miliardi di dollari) di armi e altri equipaggiamenti per la difesa di fabbricazione nazionale.

Gli articoli approvati, che dovrebbero aumentare le capacità dell’esercito indiano in mezzo alle tensioni di lunga data con i vicini Cina e Pakistan, includono razzi guidati a raggio esteso e munizioni di negazione dell’area in grado di neutralizzare carri armati e veicoli corazzati per il trasporto di personale.

È inclusa anche la versione di comando del veicolo da combattimento di fanteria indiano, che può raccogliere, diffondere e condividere informazioni in tempo reale con i comandanti.

Per migliorare la protezione e l’equipaggiamento dei soldati dispiegati lungo il confine conteso del paese con il Pakistan, il ministero acquisterà anche set di armature migliorati e 400.000 carabine da combattimento ravvicinato (CQB) costruite localmente da utilizzare nelle operazioni antiterrorismo.

Inoltre, New Delhi prevede di aumentare l’uso da parte dell’esercito delle moderne tecnologie acquisendo sia la sorveglianza autonoma che sciami di droni armati.

L’industria indiana fornirà anche turbine a gas marine da 1250 KW potenziate per i cacciatorpediniere missilistici guidati di classe Calcutta della marina progettati localmente e costruirà 14 veloci pattugliatori per la Guardia costiera indiana, con il 60% dei componenti provenienti da fonti locali

Questi appalti indigeni sono gli ultimi esempi dell’iniziativa “Make in India” di Nuova Delhi, progettata per ridurre le importazioni della difesa del Paese e renderlo sempre più autosufficiente aumentando la produzione locale di piattaforme e sistemi.

Per raggiungere questo obiettivo, New Delhi ha gradualmente ampliato un elenco di articoli per la difesa che afferma non possono più essere importati. Sabato scorso, ad esempio, il parlamento indiano ha aggiunto altri 18 elementi a tale elenco, inclusi carri armati leggeri, cannoni navali da 127 mm, jammer aviotrasportati distanziatori, sistemi di comunicazione ed elicotteri multiruolo.

Rahul Bedi, un analista della difesa con sede a Nuova Delhi, afferma che la mossa ha spesso portato il ministero della Difesa a demolire i piani per acquisire armi e altre attrezzature militari da produttori esteri con cui collaborava da molti anni.

“I cannoni da 127 mm avrebbero dovuto essere acquisiti da BAE Systems e gli elicotteri multiruolo da Airbus sia per la Marina indiana che per la Guardia costiera indiana. Il ministero della Difesa stava anche esaminando la Russia per procurarsi carri armati leggeri, ma è probabile che non vengano effettuati ordini a causa di questo approccio per reperirli in loco”.

A maggio, Nuova Delhi ha anche deciso di non firmare un ordine ripetuto multimilionario che aveva approvato alla fine del 2020 per 72.400 fucili d’assalto dalla società statunitense Sig Sauer.

Un altro accordo che dovrebbe essere concluso è quello con il produttore di armi leggere con sede ad Abu Dhabi Caracal per la fornitura di quasi 94.000 carabine CQB. “Presumibilmente, la recente approvazione per l’approvvigionamento locale di queste carabine porterà automaticamente alla cancellazione dell’ordine Caracal”.

Detto questo, l’India potrebbe teoricamente ancora procedere con questo e altri accordi se l’esercito indiano li classificasse come acquisti “una tantum” necessari per soddisfare esigenze operative urgenti, ha spiegato Bedi.

Nel frattempo, anche il governo del primo ministro Narendra Modi sta utilizzando l’iniziativa Make in India per promuovere le esportazioni della difesa, con New Delhi che fissa un obiettivo di vendita all’estero di 350 miliardi di rupie (4,38 miliardi di dollari) entro il 2025.

Il governo ha recentemente annunciato che le esportazioni indiane della difesa hanno raggiunto i 130 miliardi di rupie nell’anno fiscale 2021-22, il 70% delle quali proveniva dal fiorente settore privato del paese.

“Una parte importante di queste esportazioni, principalmente verso gli Stati Uniti, comprende componenti e sottoassiemi prodotti localmente nell’ambito di un trasferimento di tecnologia per elicotteri Apache e Chinook e velivoli da trasporto C-130J”, ha affermato Bedi.

Tuttavia, l’analista ha sottolineato che diversi articoli vengono classificati come “indigeni” anche se sono il risultato di collaborazioni tra società indiane e fornitori stranieri, questi ultimi forniscono alimentatori, avionica e sistemi d’arma, tra le altre apparecchiature e componenti.

Ad esempio, piattaforme come il Tejas Light Combat Aircraft, il Dhruv Advanced Light Helicopter, il carro armato principale Arjun e il missile da crociera supersonico BrahMos sono classificate come autoctone, nonostante ciascuna di esse abbia un contenuto medio di importazione superiore al 50%, ha aggiunto Bedi.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI