mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeNotizieL'erogazione di elettricità sempre più dipendente dalle condizioni meteorologiche

L’erogazione di elettricità sempre più dipendente dalle condizioni meteorologiche

Secondo le stime dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), in futuro l’offerta e la domanda di elettricità dipenderanno sempre più dalle condizioni meteorologiche.

La siccità e le ondate di caldo in Europa, India e Cina hanno portato a un aumento dell’uso dell’aria condizionata la scorsa estate, mentre l’ inizio dell’inverno negli Stati Uniti ha provocato significative interruzioni di corrente, ha affermato l’AIE nel suo Rapporto sul mercato elettrico 2023 presentato oggi a Parigi.

Ciò evidenzia la necessità di una decarbonizzazione più rapida e di un’implementazione accelerata delle tecnologie energetiche pulite.

Allo stesso tempo, l’impatto degli eventi meteorologici sulla domanda di elettricità sta aumentando a causa della crescente elettrificazione del riscaldamento, mentre la quota di energia rinnovabile dipendente dalle condizioni meteorologiche nel mix di generazione di elettricità continuerà ad aumentare, ha affermato.

È quindi importante aumentare la flessibilità dei sistemi elettrici garantendo al tempo stesso la sicurezza dell’approvvigionamento e la resilienza delle reti.

La forte crescita delle energie rinnovabili significa che la sua quota nel mix globale di produzione di energia elettrica aumenterà dal 29% nel 2022 al 35% nel 2025, mentre la quota di produzione di energia elettrica a carbone e a gas diminuirà.

L’Agenzia internazionale dell’energia prevede che le emissioni di CO2 derivanti dalla produzione globale di energia continueranno a diminuire nei prossimi anni.

Tuttavia, l’Europa si è distaccata da questa tendenza globale nell’ultimo anno. Le emissioni di CO2 della produzione elettrica europea sono aumentate, a causa del maggiore utilizzo di carbone e gas, mentre la produzione di energia idroelettrica è diminuita a causa della siccità e la produzione di energia nucleare per lavori di manutenzione e fermate.

Questa battuta d’arresto è temporanea, tuttavia, poiché le emissioni della produzione di energia elettrica europea dovrebbero diminuire in media del 10% all’anno fino al 2025, secondo l’AIE.

by James Marvin Phelps

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI