domenica, Settembre 24, 2023
HomeMondoLa Croazia respinge illegalmente e con la violenza i migranti

La Croazia respinge illegalmente e con la violenza i migranti

La Croazia ha continuato a respingere illegalmente e con la forza i migranti attraverso il confine con la Bosnia-Erzegovina per circa cinque anni, nonostante le assicurazioni del governo croato di rispettare il diritto di asilo e le norme sui diritti umani. È quanto emerge dal nuovo rapporto dell’organizzazione non governativa Human Rights Watch (HRW) presentato oggi.

Secondo il rapporto, anche i minori non accompagnati e le famiglie con bambini piccoli vengono respinti dalla polizia croata. La polizia di frontiera spesso ruba o distrugge telefoni, denaro, documenti d’identità e altri effetti personali e sottopone i migranti a trattamenti degradanti e umilianti. Le persone vengono regolarmente e spesso violentemente respinte in Bosnia-Erzegovina, senza valutare le loro richieste di asilo o esigenze di protezione.

HRW afferma di aver intervistato più di 100 persone, tra cui più di 20 minori non accompagnati e due dozzine di genitori che viaggiano con bambini piccoli, che hanno riferito dei respingimenti spesso brutali, alcuni risalenti all’aprile 2023. Altri gruppi come il Border Violence Monitoring Network (BVMN) o l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) sono giunti a conclusioni simili da anni.

Nonostante le prove schiaccianti, la Croazia continua a negare i respingimenti. Tuttavia, il rapporto di HRW sottolinea che la polizia croata sta violando i diritti umani dei migranti e delle persone che cercano protezione. “Il governo croato ha ingannato le istituzioni dell’Unione Europea con falsi depistaggi e vuote promesse”, ha affermato Michael Garcia Bochenek, autore del rapporto di HRW. “Queste atroci violazioni dei diritti umani – e l’ipocrisia ufficiale che le incoraggia – dovrebbero finire”.

L’Unione Europea finanzia la protezione delle frontiere in Croazia con somme considerevoli. Tuttavia, HRW ha criticato il meccanismo di sorveglianza delle frontiere finanziato dall’UE istituito nel 2021, definendolo non indipendente. Inoltre, il rapporto di HRW ha evidenziato che la Croazia non consegna le persone alle autorità della Bosnia-Erzegovina ai posti di frontiera regolari.

Il contesto della pratica croata è stato a lungo la candidatura per la piena adesione alla comunità Schengen, che consente la libertà di movimento senza controlli sui passaporti ai confini nazionali all’interno dell’Unione Europea. Per l’abolizione di questi controlli alle frontiere interne, i ministri degli interni di Schengen dovevano essere convinti che un candidato avrebbe effettivamente protetto i propri confini.

Nel dicembre 2022, dopo nove anni, la Croazia è diventata parte dello spazio Schengen. Tuttavia, secondo HRW, la pratica dei respingimenti illegali e violenti continua ad essere diffusa, dimostrando che la Croazia non rispetta gli standard richiesti per la piena adesione alla comunità Schengen.

Il rapporto di HRW solleva importanti preoccupazioni sul rispetto dei diritti umani e delle norme internazionali sulla protezione dei rifugiati e degli immigrati in Europa. La Croazia, come membro dell’Unione Europea, ha l’obbligo di rispettare il diritto di asilo e di proteggere i diritti umani dei migranti e delle persone che cercano protezione.

L’UE deve fare di più per garantire il rispetto dei diritti umani e delle norme internazionali sui rifugiati e gli immigrati in tutti i paesi membri, tra cui la Croazia. In particolare, l’UE deve garantire che i meccanismi di sorveglianza delle frontiere siano indipendenti e imparziali e che i migranti e le persone che cercano protezione siano trattati con umanità e rispetto. L’UE deve anche impegnarsi a sostenere i paesi confinanti come la Bosnia-Erzegovina nella gestione della situazione dei rifugiati e degli immigrati.

In conclusione, il rapporto di HRW mette in luce una pratica preoccupante e sistematica di respingimenti illegali e violenti da parte della Croazia. È importante che l’UE e la comunità internazionale agiscano per garantire il rispetto dei diritti umani e delle norme internazionali sui rifugiati e gli immigrati in Europa.

Gémes Sándor/SzomSzed licence: CC-BY-SA 2.0

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI