lunedì, Aprile 15, 2024
HomeMondoL'economia dei paesi più poveri sta crollando a causa del rimborso dei...

L’economia dei paesi più poveri sta crollando a causa del rimborso dei debiti con la Cina

Un’analisi condotta dall’Associated Press su una dozzina di paesi altamente indebitati con la Cina ha rivelato che il pagamento di quel debito sta consumando una percentuale sempre maggiore delle entrate fiscali necessarie per mantenere servizi essenziali come scuole, elettricità, cibo e carburante.

Questo processo sta anche prosciugando le riserve di valuta estera di questi paesi, che vengono utilizzate per pagare gli interessi sui prestiti cinesi, lasciando a molti di loro solo pochi mesi prima che i fondi si esauriscano.

La Cina ha adottato una posizione di riluttanza nel condonare il debito e ha mantenuto estrema segretezza sulle cifre e sulle condizioni dei prestiti concessi, il che ha impedito ad altri importanti prestatori di intervenire per fornire aiuto. Inoltre, è emerso che ai paesi debitori è stato richiesto di depositare contanti in conti di deposito a garanzia segreti, il che ha posto la Cina in cima alla lista dei creditori da soddisfare.

Nell’analisi dell’AP, i paesi presi in considerazione avevano fino al 50% dei loro prestiti esteri provenienti dalla Cina, e la maggior parte di essi destinava più di un terzo delle entrate governative per il rimborso del debito estero.

Due di questi paesi, lo Zambia e lo Sri Lanka, sono già in default, incapaci persino di pagare gli interessi sui prestiti che finanziano progetti infrastrutturali come porti, miniere e centrali elettriche.

Nel contesto di queste problematiche, si stanno verificando gravi conseguenze sociali ed economiche. Ad esempio, in Pakistan, milioni di lavoratori nel settore tessile sono stati licenziati a causa dell’elevato debito estero del paese, che impedisce al governo di fornire energia elettrica sufficiente per far funzionare le fabbriche.

In Kenya, il governo ha trattenuto gli stipendi dei dipendenti pubblici al fine di risparmiare denaro per il rimborso dei prestiti esteri. Questa situazione ha portato il capo consigliere economico del presidente a twittare: “Stipendi o default? Fai la tua scelta.”

Le conseguenze negative si estendono anche alla popolazione generale di questi paesi. Nel caso dello Sri Lanka, ad esempio, dopo essere andato in default un anno fa, il paese ha sperimentato una perdita di mezzo milione di posti di lavoro, un tasso di inflazione superiore al 50% e un aumento della povertà in molte regioni.

Gli esperti avvertono che se la Cina non adotterà una posizione più flessibile riguardo ai prestiti ai paesi più poveri, si potrebbe verificare un’ulteriore ondata di insolvenze e instabilità politica. Attualmente, molte di queste nazioni stanno affrontando una carenza di valuta estera, inflazione elevata, alti tassi di disoccupazione e diffusa fame.

In passato i grandi istituti di credito governativi come Stati Uniti, Giappone e Francia spesso negoziavano condoni del debito, con ogni prestatore che comunicava chiaramente l’importo e le condizioni del debito, evitando così sentimenti di inganno.

Tuttavia, la Cina non ha seguito queste pratiche. All’inizio, si è persino rifiutata di partecipare a negoziati multinazionali, preferendo trattare separatamente con i paesi come lo Zambia e mantenendo un alto grado di segretezza che impediva agli altri prestatori non cinesi di conoscere i termini dei prestiti e se la Cina aveva previsto una via per il rimborso.

La Cina ha mostrato riluttanza nel subire ingenti perdite sui suoi prestiti, nonostante le richieste del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale. Ciò ha fatto sì che molti paesi rimanessero intrappolati nel ciclo del rimborso degli interessi, ostacolando la crescita economica che potrebbe aiutarli a liberarsi del debito.

Le riserve di valuta estera di molti paesi, tra quelli presi in considerazione dall’AP, sono diminuite, con una media del 25% in meno nell’arco di un anno. In alcuni casi, come in Pakistan e nella Repubblica del Congo, le riserve sono diminuite di oltre il 50%.

Senza un piano di salvataggio, molti paesi dispongono di solo pochi mesi di riserve estere per pagare importazioni essenziali come cibo e carburante. Ad esempio, alla Mongolia restano solo otto mesi, mentre a Pakistan ed Etiopia circa due.

I paesi più poveri hanno affrontato in passato carenze di valuta estera, inflazione elevata, alti tassi di disoccupazione e fame diffusa, ma mai come nell’ultimo anno.

Oltre ai problemi strutturali come la cattiva gestione del governo e la corruzione, due eventi imprevisti hanno contribuito a questa crisi: la guerra in Ucraina, che ha portato all’aumento dei prezzi del grano e del petrolio, e la decisione della Federal Reserve americana di aumentare i tassi di interesse per ben dieci volte consecutivamente, l’ultima volta proprio questo mese. Ciò ha reso i prestiti a tasso variabile improvvisamente più costosi per questi paesi.

Alcuni paesi hanno preso decisioni drastiche per far fronte alla crisi. Ad esempio, l’Honduras, pesantemente indebitato, ha stabilito relazioni diplomatiche formali con la Cina e ha interrotto i legami con Taiwan, citando “pressioni finanziarie” come ragione.

Il Pakistan, invece, per evitare nuovi black-out, ha recentemente raggiunto un accordo per l’acquisto di petrolio scontato dalla Russia, rompendo con gli sforzi guidati dagli Stati Uniti per isolare finanziariamente il presidente Vladimir Putin.

In Sri Lanka, le proteste hanno scosso il paese lo scorso luglio, con incendi alle case dei ministri del governo e l’assalto al palazzo presidenziale da parte dei manifestanti. Queste proteste sono state scatenate dalla rabbia popolare nei confronti dei pesanti accordi con la Cina.

In risposta alle critiche, il Ministero degli Affari Esteri cinese ha respinto l’idea che la Cina sia un prestatore senza scrupoli e ha attribuito la colpa principalmente alla Federal Reserve. Hanno sostenuto di aver offerto aiuto attraverso la proroga delle scadenze dei prestiti, l’erogazione di prestiti di emergenza e il supporto a programmi temporanei di sospensione dei pagamenti degli interessi durante la pandemia di coronavirus. Inoltre, hanno affermato di aver condonato 23 prestiti senza interessi a paesi africani, sebbene gli esperti siano scettici sulla portata e l’impatto effettivo di tali condoni.

Gli esperti avvertono che se la Cina non sarà disposta ad adottare una posizione più flessibile nei confronti dei suoi prestiti ai paesi più poveri, ci potrebbe essere un’ulteriore ondata di insolvenze e instabilità politica.

Questa crisi del debito sta mettendo a dura prova l’economia di molti paesi, costringendoli a tagliare la spesa per settori cruciali come l’istruzione, l’assistenza sanitaria e l’agricoltura. Senza interventi significativi e un coordinamento globale, le conseguenze a lungo termine potrebbero essere catastrofiche per i paesi indebitati e per l’intero sistema finanziario internazionale.

by World Bank Photo Collection

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI