venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeNotizieSpese sanitarie diminuite nonostante la pandemia. L'aumento delle diseguaglianze causato dai governi

Spese sanitarie diminuite nonostante la pandemia. L’aumento delle diseguaglianze causato dai governi

Sia i paesi ricchi che quelli poveri hanno esacerbato un’esplosione di disuguaglianza economica dallo scoppio della pandemia a partire dal 2020, rivela una nuova ricerca di Oxfam e Dfi, Development Finance International.

La stragrande maggioranza dei governi ha tagliato le proprie quote di spesa per la sanità, l’istruzione e la protezione sociale. Allo stesso tempo, si sono rifiutati di aumentare le tasse sui profitti eccessivi e sull’aumento della ricchezza.

Il Commitment to Reducing Inequality Index (CRI Index) del 2022 è la prima analisi dettagliata sul tipo di politiche e azioni contro la disuguaglianza che 161 paesi potrebbero aver perseguito durante i primi due anni della pandemia.

L’indice mostra che, nonostante la peggiore crisi sanitaria in un secolo, metà dei paesi a basso e medio reddito ha tagliato la propria quota di spesa sanitaria nei propri bilanci. Quasi la metà di tutti i paesi ha tagliato la propria quota andando alla protezione sociale, mentre il 70 per cento ha tagliato la propria quota andando all’istruzione.

Poiché i livelli di povertà sono aumentati a livelli record e i lavoratori hanno lottato con prezzi elevati da decenni, due terzi dei paesi non sono riusciti ad aumentare il salario minimo in linea con la crescita economica. Nonostante l’enorme pressione sulle finanze pubbliche, 143 paesi su 161 hanno congelato le aliquote fiscali sui cittadini più ricchi e 11 paesi le hanno persino abbassate.

La Francia è scesa di cinque posizioni nell’indice dopo aver ridotto le aliquote dell’imposta sulle società e aver eliminato del tutto l’imposta sul patrimonio nel 2019. La Giordania ha ridotto di un quinto la sua quota di bilancio per la spesa sanitaria, nonostante la pandemia. La Nigeria non ha aggiornato il salario minimo da prima della pandemia e gli Stati Uniti non hanno aumentato il salario minimo federale dal 2009.

“Il nostro indice mostra che la maggior parte dei governi ha completamente fallito nel prendere le misure necessarie per contrastare l’esplosione della disuguaglianza creata dal covid. Hanno strappato via i servizi pubblici quando le persone ne avevano più bisogno e hanno invece lasciato i miliardari e le grandi aziende fuori dai guai per raccogliere profitti record. Ci sono buone notizie di valorosi governi dai Caraibi all’Asia che sono in controtendenza rispetto a questa tendenza, adottando misure decise per tenere sotto controllo le disuguaglianze”, ha affermato Gabriela Bucher, Direttore Esecutivo di Oxfam International.

Sia i paesi a reddito medio che quelli a basso reddito hanno intrapreso forti azioni per ridurre la disuguaglianza:

Il Costa Rica ha aumentato la sua massima imposta sul reddito del 10% e la Nuova Zelanda del 6%.
Il Territorio Palestinese Occupato ha aumentato la sua spesa sociale dal 37 al 47% del suo intero budget.
Le Barbados hanno introdotto una serie completa di leggi per migliorare i diritti del lavoro delle donne e le Maldive hanno introdotto il loro primo salario minimo nazionale.

Mentre i ministri delle finanze si riuniscono a Washington per le riunioni annuali del Fondo monetario internazionale (Fmi) e della Banca mondiale, i paesi in via di sviluppo si trovano ad affrontare un’economia globale che sta rendendo sempre più difficile soddisfare i bisogni della loro popolazione. Pur iniettando miliardi di miliardi di denaro nelle proprie economie, i paesi ricchi non sono riusciti ad aumentare gli aiuti durante la pandemia. La disuguaglianza economica e la povertà nei paesi poveri sono ulteriormente esacerbate dall’insistenza del Fmi su nuove misure di austerità per ridurre i debiti ei disavanzi di bilancio.

“Il dibattito si è spostato in modo catastrofico dal modo in cui affrontiamo le ricadute economiche del covid a come riduciamo il debito attraverso brutali tagli alla spesa pubblica e congelamento dei salari. Con l’aiuto del Fmi, il mondo sta adottando misure che aumenteranno ulteriormente la disuguaglianza. Abbiamo bisogno di svegliarci e imparare le lezioni; prevenire enormi aumenti della disuguaglianza è del tutto pratico e di buon senso. La disuguaglianza è una scelta politica, i governi devono smettere di mettere i più ricchi al primo posto e la gente comune all’ultimo”, afferma Matthew Martin, Direttore di DFI.

L’analisi di Oxfam e Dfi mostra che, sulla base dei dati del Fmi, tre quarti di tutti i paesi a livello globale stanno pianificando ulteriori tagli alle spese nei prossimi cinque anni, per un totale di 7,8 trilioni di dollari di dollari.
Nel 2021, i paesi a basso reddito hanno speso il 27,5% dei loro budget per ripagare i propri debiti: il doppio dell’importo speso per l’istruzione, quattro volte quello della salute e quasi 12 volte quello della protezione sociale.

“Per ogni dollaro speso per la salute, i paesi in via di sviluppo pagano quattro dollari in rimborsi di debiti ai ricchi creditori. Un completo alleggerimento del debito e tasse più elevate sui ricchi sono essenziali per consentire loro di ridurre drasticamente la disuguaglianza”, ha affermato Martin.

Nonostante i precedenti storici, quasi tutti i paesi non sono riusciti ad aumentare la tassazione sui più ricchi o a perseguire profitti eccezionali durante la crisi del covid. Dopo l’epidemia di influenza del 1918, la depressione degli anni ’30 e la seconda guerra mondiale, molti paesi ricchi hanno aumentato le tasse sui più ricchi e introdotto tasse sui profitti imprevisti delle società. Hanno utilizzato queste entrate per costruire sistemi di istruzione, salute e protezione sociale. La tassazione dei profitti più ricchi e inaspettati può generare miliardi di dollari di entrate fiscali.

“I leader del governo a Washington devono scegliere: costruire economie uguali in cui tutti pagano la loro giusta quota o continuare ad aumentare il divario tra i ricchi e gli altri, causando enormi sofferenze inutili”, ha affermato Bucher.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI